Terremoto nel PD: Cofferati lascia, Renzi "benedice" Raffaella Paita

GENOVA – I Garanti del PD, riuniti venerdì, hanno annullato i voti in 13 seggi dislocati nelle quattro province liguri; uno a Spezia (quello, tanto contestato, del Centro Allende) e tre in provincia (Sarzana San Lazzaro, Beverino, Deiva Marina). Ma nonostante siano state riconosciute delle irregolarità, le primarie non sono state annullate e Raffaella Paita è stata confermata candidata alla carica di Governatrice della regione. Le polemiche, in rete e non solo, tengono banco già da domenica pomeriggio e delle primarie liguri si sono occupati anche i media nazionali. Nel pomeriggio di ieri, però, Raffaella Paita incassava l’ok di Matteo Renzi che le assicurava: “Tutto il PD è con te“.
Non sembra proprio così: infatti, Stefano Fassina ha dichiarato che ciò che è successo qui è peggio di quello che successe a Napoli nel 2011 (quando si verificarono brogli, come voti degli immigrati comprati per 5 euro. Lì le primarie vennero poi annullate, il PD candidò il Prefetto Mario Morcone e quelle elezioni videro la vittoria di Luigi De Magistris). A rincarare la dose contro la Paita è stato poi Andrea Ranieri, della Direzione Nazionale del PD.

Oggi era il giorno di Sergio Cofferati e “il cinese” ha parlato: nonostante gli inviti di molti dei suoi sostenitori, l’ex sindaco di Bologna ha lasciato il PD. “Non posso più stare in un partito così” ha dichiarando, criticando anche le dichiarazioni pro-Paita del Presidente del Consiglio, uscite prima che finisse il lavoro dei Garanti. Uscito dal PD, Cofferati costituirà una sua associazione, ma assicura di “non voler fondare un altro partito” e di non volersi candidare alla Presidenza della Regione.
Sulle dimissioni di Cofferati interviene anche Rifondazione Comunista, che, attraverso Marco Ravera e Paolo Ferrero, ritiene questa decisione “un punto di rottura col PD renziano“, ormai decisamente orientato a destra e auspica “la creazione di un fronte unito a sinistra” , un’alternativa al PD e neoliberismo.

Cosa farà il PD ora? Ci sarà una spaccatura? Oppure i “dissidenti” torneranno a “casa”?

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.