Il TAR Lazio accoglie il ricorso di ANCI Liguria

ROMA– Il TAR del Lazio ha accolto il ricorso presentato da ANCI Liguria, insieme alle Associazioni dei Comuni di Umbria Veneto e Abruzzo per l’annullamento, previa sospensione dell’efficacia, del decreto interministeriale del 28.11.14 che imponeva il pagamento dell’IMU sui terreni agricoli montani per Comuni al di sotto dei 600 mt di altitudine (in Liguria, 215 su un totale di 235). Accolte quindi le istanze di ANCI Liguria, che aveva ravvisato nel provvedimento, giunto a bilanci comunali già chiusi, elementi di grave pregiudizio: a partire dall’incertezza dei criteri applicativi, con particolare riguardo all’altitudine delle sedi comunali, fino alla violazione di principi fondamentali quali l’irretroattività delle norme, l’autonomia dei Comuni e il dettato costituzionale che pone i Comuni allo stesso livello dello Stato centrale.Grande soddisfazione da parte di ANCI Liguria per un risultato di importanza vitale per le comunità locali della Liguria, e non solo.“ANCI Liguria ha lottato, insieme ad altre ANCI regionali, per evitare che questo provvedimento inaccettabile e ingiusto causasse gravi ed immediate ripercussioni sui bilanci comunali e, soprattutto, sui cittadini contribuenti – hanno commentato Michele Malfatti, Coordinatore della Consulta dei Piccoli Comuni di ANCI Liguria e Pierluigi Vinai, Segretario Generale di ANCI Liguria.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.