A quattro mesi da fine legislatura, Paita fa assumere l'amica Stellini alla segreteria politica regionale a 1700 euro al mese

A quattro mesi da fine legislatura, Raffaella Paita fa assumere l’amica Federica Stellini alla segreteria politica regionale, a 1700 euro al mese.

I fatti: da una delibera dirigenziale, a firma Avv. Mario Piazzini, del Comune della Spezia, apprendiamo che l’Assessore alle Infrastrutture Raffaella Paita (dunque nella sua veste istituzionale) “esprime con nota 23592 del 1-12-2014 volontà di assumere, per l’ufficio di segreteria politica della Regione Liguria la dipendente del Comune della Spezia matricola 206814” fino a fine legislatura (cioè quattro mesi) con decorrenza dal 3.12.2014.

Il Comune – con raro esempio di velocità supersonica – delibera il 2-12-2014 e colloca in aspettativa non retribuita la dipendente suddetta che il 3-12-2014 può già firmare il contratto di Co.Co.Co. con la Regione.

lella delibera

Ma chi è la matricola 206814? E perché tanta riservatezza? In tutto l’albo pretorio non si legge mai una simile attenzione alla privacy. 

La matricola 206814 è Federica Stellini, dirigente del Comune, entrata nel 2000, non con concorso, ma per cooptazione (Legge Bassanini) dell’ex-Sindaco Giorgio Pagano (all’epoca Raffaella Paita era Capo di Gabinetto del Sindaco). È laureata in filosofia all’Università di Pisa, ha un Master in comunicazione ed è iscritta all’Albo dei giornalisti e pubblicisti. Istruttore Direttivo professionale D2 con incarico di Responsabile Comunicazione e Promozione della Città, nella sua scheda leggiamo che ha capacità di “buon utilizzo dei principali sistemi operativi, posta elettronica, web” e “buone capacità di lettura, scrittura, espressione orale in inglese”, ecc.

Ma soprattutto è grande amica della Lella regionale con cui da sempre condivide il percorso politico.

Ma quale competenza ha, che possa esser utile per le Infrastrutture, una laureata in filosofia, con pratica di ufficio stampa e con la ”pesante” mission di “promozione della Città” ai tempi di Federici (incarico che non le invidiamo di certo)?

Come si giustifica un tale incarico a fine legislatura in una Regione che ha già grossi problemi di rosso col bilancio? Nel contratto della Regione http://www.regione.liguria.it/cerca.html?keyword=23592+1.12.2014 si precisa che svolgerà attività in “piena autonomia e con libera iniziativa in merito all’organizzazione della propria attività” e sarà di “supporto alla Segreteria Politica dell’Assessore alle Infrastrutture”.

Dunque ha un incarico politico legato a doppio filo, più che all’istituzione regionale, alla persona dell’Assessore, tanto che più avanti si dice che il contratto “è soggetto a risoluzione anticipata rispetto alla scadenza prevista in caso di cessazione della carica dell’Assessore alle Infrastrutture”.

Non ci avventuriamo (per ora) nei meandri della correttezza legislativa del provvedimento ma ci chiediamo, però, quale attività svolgerà Federica Stellini esattamente? È noto a tutti che Raffaella Paita è in campagna elettorale da almeno 8 mesi, campagna durante la quale è stata più volte accusata di percepire un (lauto) stipendio per perseguire più che altro la sua promozione personale e politica più che l’attività istituzionale.
Paita prende già uno stipendio di 106.560,00 euro come amministratore della Regione, che si somma a quello del coniuge (Luigi Merlo Presidente dell’Autorità Portuale di Genova) di 236.028 euro (fonte Il Tirreno http://iltirreno.gelocal.it/livorno/cronaca/2014/09/14/news/tutti-i-redditi-di-chi-guida-la-citta-1.9925099), inoltre è tra i pochissimi a girare ancora con l’auto blu http://www.valdimagranews.it/index.php?option=com_content&task=view&id=18814&Itemid=17

Dunque ci chiediamo: quale sarà mai il motivo per cui Paita a un mese dalle primarie del Pd ha avuto bisogno di “rinforzi”?

Per cosa verrà utilizzata Federica Stellini, per l’attività dell’Assessorato o per la campagna elettorale personale dell’Assessore? Dando un’occhiata al suo profilo twitter, per esempio, compaiono continuamente tweet a sostegno della campagna elettorale dell’amica Lella.

lella e stellini 3

È giusto che il Comune della Spezia rinunci – seppur temporaneamente – a questa “figura” e sospenda l’attività importantissima i “promozione della Città” (sempre ai tempi di Federici)?

È giusto che i cittadini della Liguria, anche i non elettori di Paita o del Pd paghino uno stipendio di 1700 euro al mese a un ennesimo funzionario che si aggiunge alla già nutrita segreteria politica di Paita?

Inoltre: quali misure sono state prese per garantire ai sensi della legge sulla privacy che gli indirizzari pubblici del Comune della Spezia (e anche della Regione) non “migrino” verso l’ufficio elettorale personale di Paita?

Vi ricordate i tempi in cui Loriano Isolabella (DC) era stato contestato per l’utilizzo della carta intestata della Regione a scopi politici personali? 
Come diceva quello… quando tutto sembra andar male non preoccupatevi, può sempre peggiorare!

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.