Solidarietà a Pino Maniaci e Telejato per il vile attacco subito

PARTINICO (PALERMO)– Nuova intimidazione mafiosa per Pino Maniaci, direttore dell’emittente Telejato, da anni bersaglio di minacce per la sua attività giornalistica coraggiosa. Solo pochi giorni fa l’auto di Maniaci, ormai in disuso, era stata data alle fiamme. Nel 2008 il giornalista era stato aggredito con calci e pugni (Aggredito Pino Maniaci) da due ragazzi, tra cui il figlio del boss Vito Vitale, che lo avevano mandato in ospedale. Ma la sua attività giornalistica non s’è mai interrotta, Maniaci non ha mai smesso di denunciare il malaffare della sua terra. La notte tra mercoledì e giovedì, l’ultima intimidazione, la più spregevole: sono stati uccisi col veleno e poi impiccati nei pressi della sede della redazione i due cani storici della redazione, Billy e Cherie. Un atto che, come scrivono da Telejato, lascia “senza parole” per “la cattiveria delle persone“. Ma, come sempre, “Telejato non si ferma e i responsabili risponderanno per le loro azioni se non alla Giustizia, alla Divina Provvidenza“.

Un gesto davvero incommentabile e inqualificabile. Inqualificabile come chi l’ha compiuto.  A Telejato e Pino Maniaci va la solidarietà della redazione di LaSpeziaOggi.

www.telejato.it

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.