Caso "latte in polvere", interrogazione parlamentare di Matteo Mantero (M5S)

ROMA- Il deputato savonese Matteo Mantero del MoVimento 5 Stelle ha presentato un’interrogazione parlamentare sul caso “latte in polvere” che ha investito nelle scorse settimane anche la Sanità ligure. Di seguito, la nota diffusa dal M5S.

Abbiamo depositato un’interrogazione al Ministro della Sanità per sollevare un annoso problema emerso anche recentemente in seguito all’ennesima notizia assunta agli onori della cronaca in ambito sanitario a danno dei cittadini, e soprattutto dei neonati che vede coinvolti i medici pediatri di mezza Italia che influenzavano le mamme a non allattare naturalmente dando, in sostituzione, ai bambini, latte in polvere privandoli così delle straordinarie proprietà contenute nel latte naturale. Solo qualche giorno fa, i Nas e i Magistrati di Pisa hanno arrestato per corruzione ben diciotto persone, dodici medici pediatri, tra i quali due primari, e altre sei persone, informatori scientifici e un dirigente di un’azienda specializzata in alimenti per l’infanzia. (ilsecocoloxix) Secondo il Sostituto Procuratore Giovanni Porpora e il gip Guido Bufardeci, i medici ricevevano, in cambio della “sponsorizzazione”, benefit di elevato volere economico. 

Medici che vanno contro l’etica della professione, sono in prima classe tra coloro che condizionano il mercato, che alimentano le paure, i bisogni, sfruttano le nevrosi degli soggetti ipocondriaci che sentono la necessità di curarsi anche se stanno bene, oltre che somministrare farmaci noti e pubblicizzati a dispetto della semplice molecola, limitando i pazienti dalla libertà di acquistare il farmaco più opportuno e, soprattutto meno costoso. Un malcostume che non è esclusiva delle professioni sanitarie, ma sicuramente è un fenomeno diffuso che vede come premio “il turismo congressuale” tutto a spese delle case farmaceutiche. Chiediamo quindi che il Ministro Lorenzin venga a riferire in aula e prenda provvedimenti normativi per porre un ulteriore freno alle cosiddette “sponsorizzazioni”, attraverso un controllo più serrato delle varie attività che ruotano attorno al business del farmaco e dei rapporti tra ambienti della sanità pubblica e le case farmaceutiche.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.