Legambiente sulle rassicurazioni del Comune della Spezia su Enel: "Parole al vento"

LA SPEZIA– Secondo l’Associazione ambientalista le dichiarazioni dell’assessore all’ambiente del Comune della Spezia sono inopportune in assenza del riscontro del documento Ispra da lui stesso citato e che deve ancora pervenire all’amministrazione comunale. Legambiente chiede, nel momento in cui avverrà la pubblicazione dello studio (ci auguriamo al più presto) audizioni pubbliche di associazioni e comitati.
Per quanto riguarda la revisione dell’Autorizzazione Integrata Ambientale già prevista dall’AIA stessa del Settembre 2013, e ora più facile con il Dlgs 46/2014, siamo dell’avviso che sussistano le condizioni per questo, vista la mancanza di parere sanitario del sindaco, la mancanza da parte di Enel di uno studio per lo scarico del carbone dalle navi, la mancanza di monitoraggio sullo stoccaggio dei carboni a cielo aperto, nonché il report sulla gestione dei transitori. 

Inoltre, cosa non meno importante al fine della valutazione e dell’aggiornamento, manca a tutto oggi il rapporto storico su eventi ed emissioni e non sono stati eseguiti aggiornamenti alla nuova decisione della UE sulla gestione di simili episodi. Per questo ci mobiliteremo già dai prossimi giorni affinché quanto stabilito dall’AIA stessa venga al più presto discusso nelle sedi istituzionali e nel confronto con le realtà della società civile.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.