Sergio Cofferati: in Liguria per cambiare rotta e iniziare un nuovo viaggio

LA SPEZIA – Sala Avis del Favaro gremitissima, ieri sera, per l’incontro in cui Sergio Cofferati ha incontrato la cittadinanza, in vista delle primarie dell’11 gennaio.

La Liguria deve iniziare un nuovo viaggio, una nuova storia” ha spiegato “e l’assessora (Paita ndr) candidata da ormai un anno e mezzo rappresenta la continuità del sistema. Bisogna fare scelte nette, dimostrare che si vuole cambiare rotta e far finta di non vedere il collasso della Liguria è un atto di cinismo inaccettabile. Le mie intenzioni non resteranno nel vago e se vincerò le primarie farò il programma con la coalizione (mai accordi con il centro-destra, perchè non si può e non si deve snaturare la propria appartenenza politica). I grandi cambiamenti nascono da proposte che vengono discusse, bisogna dare un tempo al confronto e assumersi delle responsabilità. Necessari la partecipazione e l’ascolto dei cittadini, è importante il contributo delle persone che vivono e conoscono i territori“.

Priorità assoluta ad ambiente e protezione del suolo, in un territorio bello e fragile che va protetto con cura, lavorando affinché quel che si produce rispetti il luogo in cui si produce. Cofferati parla anche di ritorno a saggezze antiche “perchè in questa Regione abbiamo avuto due disastri ma nessuno pensa di abolire la deroga che permette la costruzione di edifici a 3 metri dai corsi d’acqua” (mentre la legge nazionale prevede non meno di 10 metri).

La Liguria è una regione isolata e frammentata istituzionalmente, non ha un rapporto organico con l’Europa e nemmeno con le Regioni confinanti, mentre invece è necessario un rapporto sistematico e codificato. Rilancio e protezione delle produzioni, infrastrutture, lavoro e diritti, creare lavoro e protezione sociale, strumentazioni nuove per difendere le persone in difficoltà, perchè la povertà non attanaglia solo i disoccupati ma anche lavoratori che hanno un reddito sotto la soglia di povertà. Altro argomento che affronta Cofferati è quello della cultura e della bellezza, straordinario patrimonio ligure dalle enormi potenzialità ma fino ad oggi sottovalutato.

Il Sindaco di Spezia mi insulta da giorni“, conclude Cofferati, “ma non gli risponderò mai e lui da me avrà comunque il rispetto che mi nega, perchè, a prescindere dal ruolo che avrò dopo le primarie, il rapporto tra persone che rappresentano altre persone è indispensabile“.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.