Valeria Fregosi (CPS): Carnea, uno scempio pericoloso

FOLLO– “Anni ed anni per fare poche centinaia di metri di strada a Carnea, una “cattedrale” nel deserto che è già caduta nel dimenticatoio delle promesse elettorali. Oltre allo scempio di una ferita aperta a Carnea c’è il pericolo che incombe, con frane che minacciano l’opera incompiuta e la tombinatura del canale, in un contesto assai poco rassicurante di allerta meteo costante. Una situazione di una gravità inaudita, che potrebbe, visti i tempi e le piogge che continuano a cadere, causare situazioni di enorme rischio per la cittadinanza.” Così commenta il sopralluogo avvenuto nella frazione di Carnea, Valeria Fregosi capogruppo dei Cittadini Partecipi e Solidali.

Ci siamo recati sul posto con alcuni cittadini di Carnea – afferma Valeria Fregosied è emerso che il secondo lotto è di fatto ancora incompiuto, mancano le ringhiere, i parapetti, i guardrail e l’asfaltatura e del Terzo lotto, per il completamento dell’opera peraltro già finanziato, non vi è alcuna traccia. Una situazione inaccettabile, che mette ancora in evidenza le inadempienze dell’amministrazione Cozzani, molti cittadini di Carnea si chiedono se la loro frazione faccia parte a pieno titolo del comune di Follo. Dal sopralluogo pare evidente che l’amministrazione non ritenga prioritarie le esigenze delle frazioni, i cittadini di Carnea, in questi mesi, hanno più volte sollecitato il Sindaco affinché fossero ripresi  i lavori, visto lo stanziamento di 88.500 euro da parte della Regione e  di 42.500 da parte del Comune.“ “Oltre al danno ed alla pericolosità delle frane che si sono venute a creare a monte del cantiere della strada di Carnea – prosegue Valeria Fregosi alcune delle quali potrebbero chiudere le tombinature con conseguenze drammatiche, c’è la beffa nei confronti di cittadini anziani o ammalati, che continuano a vivere in uno stato di isolamento. L’amministrazione non ha neppure provveduto a rendere meno scivolosi i gradini che sono coperti da una patina di erbino, pertanto con enorme difficoltà raggiungono  le proprie abitazioni e gli stessi mezzi di soccorso a loro rischio e pericolo raggiungono la parte alta del paese.“ “Ci chiediamo – conclude Valeria Fregosi come mai l’amministrazione Cozzani, avendo a disposizione i finanziamenti della Regione Liguria e i soldi dei mutui del comune, non provveda a concludere la strada. Il tempo passa, le piogge continuano a far danni in un cantiere perenne di una frazione dimenticata. Per questo chiederemo che l’amministrazione risponda di questo gravissima situazione nelle sedi istituzionali, manderemo un resoconto anche alla Regione liguria affinché venga a svolgere un sopralluogo e chieda spiegazione sul mancato utilizzo del finanziamento erogato.

Le foto del sopralluogo: cittadinipartecipiesolidali.wordpress.com

Advertisements
Advertisements
Advertisements

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.