Lettera a Federici su Cofferati

Egregio Sindaco Federici,

sono purtroppo costretto a scriverLe una lettera da questo giornale avendomi Ella levato la possibilità di commentare sulla sua pagina Facebook. Strano, Dottor Federici , perché non mi risulta di averla mai offesa né ingiuriata, semmai l’avrò spesso contraddetta. Pazienza, evidentemente è questo il suo senso della democrazia. Intervengo comunque in merito al suo post contro la candidatura di Sergio Cofferati alla Presidenza della Regione Liguria. Trovo quel post assolutamente assurdo per almeno due motivi. (il post: Facebook). Senza voler entrare da parte mia, nel merito delle candidature in se, il suo commento mi pare, oltre che assolutamente irriguardoso, anche assolutamente inopportuno, viste  le cariche che Ella ricopre.
Come Sindaco Lei dovrebbe rappresentare tutti i cittadini spezzini e dunque non dovrebbe permettersi di tirare volate elettorali a chicchessia (Paita compresa).
Come Presidente della Provincia non dovrebbe invece entrare in questioni  politicamente “sensibili” come le candidature regionali, in quanto sia l’una che l’altra carica richiederebbero un distacco istituzionale che Ella evidentemente proprio non ha. Inoltre le sue affermazioni e espressioni usate risultano a mio avviso assolutamente ingenerose e poco degne anche nei confronti del suo partito (che fu anche il mio). Un partito che le ha permesso di fare della politica la sua prima occupazione sino ad assurgere alla massima carica cittadina e provinciale, un partito di cui Lei non rispetta mai le varie anime e sensibilità nonostante le cariche che le sono state affidate e che, con mio vivo rincrescimento  i suoi “compagni” che Lei così facendo NON RISPETTA, continuano ad appoggiare e a rendere numericamente possibile in ogni sede istituzionale. Le piacerebbe signor Federici, se parlando di lei pubblicamente qualche altro suo “compagno”( Sindaco, Assessore regionale o Presidente Provinciale) la definisse come Lei ha definito Cofferati ? Credo proprio di no e, conoscendola, penso che Ella comincerebbe a sgridacchiare e a sbraitare ai quattro venti l’avvenuta “ingerenza“.

E allora, dottor Federici ?
Perché non si dimostra per una volta altrettanto rispettoso dei ruoli e delle altrui sensibilità politiche? Parliamoci chiaro : come Sindaco di La Spezia non ci fece una bella figura schierandosi e prodigandosi in ogni modo per Renzi in occasione delle primarie PD, come non ci sta facendo una buona figura quest’oggi, sparlando in modo irriguardoso su Cofferati, onde perorare in pieno la causa della sua amica Paita.
Senza dimenticare la Sua presa di posizione pro-Napolitano, quando, commentano la riconferma a Presidente di “Re Giorgio”, insultò non solo i cittadini che non la pensavano come Lei, ma anche Stefano Rodotà, reo di non starLe simpatico, che Lei definì “il niente”. Gli spezzini, ma anche il PD credo meritino più rispetto.

Ma poi scusi Federici, l’ultima volta che ci siamo parlati, prima della vicenda Piazza Verdi e prima che mi levasse la possibilità di scrivere e commentare sulla sua pagina… Lei non era un Bersaniano ???

Mah…..

                                                                                   Massimo Baldino (il grillino buono)  

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.