Bilancio partecipato, il Comune incontrerà i cittadini

LA SPEZIA– Si è svolto ieri, mercoledì 5, nella sede di SeL, un incontro con l’assessore (con delega al Bilancio e alla Partecipazione) Alessandro Pollio, cittadini e rappresentanti di alcuni comitati cittadini. Il tema dell’incontro, a cui ne seguiranno altri, era la partecipazione. La mancanza di partecipazione è, infatti, una delle critiche più forti rivolte a questa Amministrazione. Ma ora il Comune darà il via alla sperimentazione del bilancio partecipato. Con la cancellazione delle Circoscrizioni, ha detto Pollio in apertura, è aumentata la distanza tra “potere centrale” e cittadinanza, per questo adesso l’Amministrazione vuole in qualche modo “tornare al passato”  e promuove incontri nei quartieri (16 eventi, da metà novembre a metà dicembre come prima tornata, ad aprile come seconda), per presentare il progetto di bilancio partecipato e chiedere ai cittadini una valutazione sui servizi del quartiere e idee e spunti per migliorare. Il Comune, dopo aver raccolto e letto i dati, in sede di discussione di bilancio valuterà se e come andare incontro alle richieste dei cittadini. Ovviamente è una gran bella cosa che l’Amministrazione voglia ascoltare i cittadini, ma le perplessità sollevate dai cittadini presenti sono state molte. Ex membri delle Circoscrizioni hanno fatto notare che “non si sta facendo nulla di nuovo“, sono cose che già si facevano venti anni fa. Insomma: molti dubbi, molti suggerimenti per migliorare, che l’assessore ha ascoltato attentamente. Ci auguriamo ne tenga conto.

Ricordiamo che l’Amministrazione Federici non è mai sembrata aperta alla partecipazione: abbiamo sentito il Sindaco insultare cittadini “colpevoli” di non essere d’accordo con lui e abbiamo assistito alla “partecipazione” sul progetto Cernaia, in cui il Comitato è stato ascoltato, ma poi i fondi per la riqualificazione sono spariti. Qualcuno ha chiesto agli spezzini come volessero rifare Piazza Verdi (e soprattutto se volevano rifarla)? E Piazza Europa? Il Comune ha poi cercato di salvarsi in corner con il “sondaggio” sulla posizione della fontana. L’Amministrazione Federici è quella in cui i consiglieri dell’opposizione venivano a sapere dai giornali le decisioni della Giunta e così via. Ben venga un cambio di rotta, ma che sia reale e non solo sulla carta.

 

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.