Vernazza, da lunedì 3 novembre la riqualificazione post-alluvione

VERNAZZA– Partiranno lunedì 3 novembre i lavori per la riqualificazione dello spazio pubblico dell’asse centrale di Vernazza, la perla delle Cinque Terre che porta ancora i segni della disastrosa alluvione del 25 ottobre 2011, quando un’ondata di fango e detriti proveniente dalle colline circostanti travolse il paese dalla stazione fino al mare, provocando danni per oltre 100 milioni di euro e uccidendo tre persone. La riqualificazione è economicamente sostenuta da donazioni di Fondazioni Bancarie, Cassa di Risparmio della Spezia e le associazioni Vernazza Futura Onlus e Save Vernazza Onlus. La prima area a essere sottoposta ai lavori sarà Piazza Marconi (la piazzetta centrale, quella sul mare), in un secondo momento si provvederà a restaurare la zona Fontanavecchia (zona poste e banca) e, infine, verrà ripavimentato l’intero tragitto tra le due piazze.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

E’ proprio la pavimentazione il “fulcro” del restauro: verranno posizionati lastroni di arenaria di Carniglia (che sono esposti al pubblico in zona Fontanavecchia, visibili a tutti). L’arenaria di Carniglia proviene dall’Alta Val di Taro e ha reso Bedonia famosa in tutto il mondo. In Piazza Marconi verranno tolti i lecci e piantate le tamerici come in passato, si cambierà illuminazione e panchine. Il progetto, dal rendering, non sembra destinato a stravolgere il panorama del borgo. Non sono previste altre strutture fisse. Alla popolazione è stato presentato in passato e, da quello che si apprende da notizie in rete, anche approvato. Vernazza è già splendida così; necessita sì di restauro e manutenzione, ma non ha bisogno di essere “abbellita” da strutture varie.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.