Senza nessuna pietà. Il nuovo film con Pierfrancesco Favino al Cinema Nuovo

LA SPEZIA- Film molto atteso questo Senza nessuna pietà, non tanto per la regia (si tratta di un esordio per Michele Alhaique) quanto per l’attore Pierfranceso Favino, già attore di Romanzo criminale a cui questa pellicola, in programmazione al Cinema Nuovo della Spezia, sembra vagamente ispirarsi. Quasi irriconoscibile per la stazza, Favino dà vita a Mimmo, muratore che fa il lavoro sporco per lo zio, costruttore edile e usuraio. Ritira i soldi e spacca le mani ai debitori che non pagano.

Lo snello e affascinante Favino indossa i panni di un uomo rude, con barba, trasandato, grasso, che vive ai margini, isolato dal mondo. Fino a quando non gli viene chiesto di portare al cugino una ragazza, Tania (Greta Scarano) per uno dei suoi festini e da quel momento si accende il riscatto dell’uomo contro la società, la famiglia, il mondo. Rende paralizzato il cugino che usa violenza con la ragazza e lei, prostituta bambina che non ha mai conosciuto lealtà negli uomini, lo segue verso una strada senza uscita. Una relazione non basata sul sesso, ma su un sentimento che per l’uomo sembra essere qualcosa di nuovo, da proteggere; un gigante bambino che vuole tenere per sé un piccolo tesoro.
Sceneggiatura abbastanza semplice,al punto che si intuisce sin dall’inizio l’esito della storia ma con una fotografia eccellente che punta tutto sull’attore Favino, espressivo, magnetico e drammatico anche  apre una lattina di birra. Si dice che sia ingrassato 30 kg per fare questo film, evidentemente ci credeva molto, ma siamo lontani dagli esiti del De Niro di Toro scatenato. Indubbiamente una prova d’attore superba, per una storia che lascia però a desiderare. Un finale strappacuore con la morte di Mimmo a due passi dalla fermata mentre la ragazza sale sull’autobus per andare all’appuntamento stabilito, ignara di tutto.
 
 
 
 
 
 
Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.