Caso Canini, i Comitati: si avvii una procedura disciplinare nei confronti della dottoressa

LA SPEZIA– I Comitati  sotto firmatari, appreso dalla stampa tutti gli sconcertanti dettagli riguardanti la riconferma del direttore amministrativo dell’ASL 5 Renata Canini, sottolineano la non fondatezza delle dichiarazioni del direttore Generale del’ASL  5 che, facendo riferimento ad una lettera dell’Assessore Regionale di molti mesi fa, utilizza una norma che non riguarda il caso in esame. Non solo, ma il dottor Gianfranco Conzi nega la realtà giuridica della vicenda: la Corte dei Conti ha condannato per danno erariale  la dottoressa Caniniper avere consapevolmente violato la norma” (affermazione della sentenza). Essendo la sanità un bene comune, non possiamo (pur operando in settori e interessi cittadini diversi da essa) non sentirci comunque chiamati in causa. Riteniamo infatti che di fronte ad una condanna simile sarebbe stato necessario che chi di competenza avviasse una procedura disciplinare nei confronti della dottoressa ai sensi della vigente normativa. Così non è stato, ne prendiamo atto rilevando che, al di là della questione strettamente legale, tutta la vicenda, compresi i toni della risposta del direttore generale dell’ASL 5 alla richiesta di dimissioni della dottoressa Canini, avanzata sui mass media locali, produce una immagine negativa di un Ente così importante nella vita quotidiana di tutti i cittadini spezzini.

Comitato Piazza Verdi

Coordinamento Quartieri del Levante

Comitato di lotta per la difesa delle famiglie vittime dell’amianto

Comitato Montepertico

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.