M5S: si applichi la normativa anticorruzione sulla rotazione dei dirigenti

LA SPEZIA – I comitati civici e le associazioni ambientaliste hanno detto forte e chiaro ciò che anche noi ribadiamo da tempo e cioè che la gestione del Verde dell’Amministrazione Federici è pessima: manutenzione quasi inesistente, tagli di specie arboree pregiate e sostituite con alberi assolutamente inadatti, tristi, sfiniti che non fanno né ombra né producono ossigeno e non sono neppure belli da guardare.

Il “bel giardino urbano” che caratterizzava un tempo la nostra città oggi è soltanto un pallido ricordo. Al settore ambiente e al Verde Urbano servirebbe non soltanto una riunificazione – come proposto dai comitati e dalle associazioni spezzine – ma anche una nuova gestione, svincolata dalle logiche del taglio per costruire il muretto o la fognatura per cui il Verde è solo un inciampo.

Occorre una cultura del Verde, come ha dichiarato giustamente Renato Oldoini di Confagricoltura, occorre valorizzare il Verde con profili di competenza. Il Verde e l’Ambiente vanno affidati a tecnici con competenze specifiche nel settore del Verde!

Perché il Comune non “libera” il settore del Verde dal “cappio” dei Lavori pubblici?

Passaggio fondamentale di questo discorso è quello del ruolo dei dirigenti; in Comune l’argomento della rotazione dei dirigenti sembra tabù eppure c’è una legge del 2012 che la impone e per motivi molto seri: infatti, a livello nazionale, l’immobilità dei dirigenti è stata individuata come una delle possibili cause della corruzione dell’Ente pubblico!

Perché il Comune non applica la legge anticorruzione?

Perché non viene effettuata la rotazione dei dirigenti apicali e non, come previsto dalla legge?

Il gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle chiede l’applicazione della normativa e la rotazione dei dirigenti comunali come strumento fondamentale per contrastare la corruzione (durata massima dell’incarico digenziale 3 anni, secondo l’autorità di controllo). Inutile dire che l’applicazione di questa normativa – che infatti si chiama “Anticorruzione” – è una tutela contro il rischio di corruzione e infiltrazione criminale nella pubblica amministrazione.

Così potremmo davvero far ripartire la nostra economia.

I consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle

Ivan Mirenda, Christian Bertagna, Erika Iannello, Carlo Colombini

 

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.