Caccia al capriolo: il TAR dà ragione ai cacciatori

LA SPEZIA– E’ andata come gli animalisti spezzini temevano: il Tar Liguria, in data 29 agosto 2014, ha respinto la richiesta dei VAS, attraverso l’avvocato Daniele Granara, di fermare la caccia al capriolo che tanto aveva fatto discutere a cavallo di Ferragosto. I giudici hanno infatti stabilito che “che non si configurano pregiudizi gravi e irreparabili, poiché la determinazione del numero massimo di esemplari cacciabili, giudicato congruo dall’I.S.P.R.A., esclude che l’attuazione del prelievo venatorio possa mettere a repentaglio l’equilibrio della specie“.
Il numero fissato per quello che i cacciatori chiamano “prelievo selettivo” e gli altri chiamano abbattimento è di 125 capi.

Ora con ogni probabilità si andrà al Consiglio di Stato.

La sentenza completa: www.giustizia-amministrativa.it

Advertisements
Advertisements
Advertisements

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.