Gaza: il giornalista italiano Simone Camilli ucciso in un'esplosione

GAZA – Trentacinque anni, una carriera da videoreporter nelle zone calde del pianeta, coautore del documentario About Gaza, la Farnesina ha confermato la morte di Simone Camilli, rimasto ucciso dall’esplosione di un missile nel nord della Striscia di Gaza.

”E’ una tragedia, per la famiglia e per il nostro Paese”, ha detto il ministro degli Esteri, Federica Mogherini. “Ancora una volta è un giornalista a pagare il prezzo di una guerra che dura da troppi anni e per la seconda volta in pochi mesi piangiamo la morte di ragazzi impegnati con coraggio nel lavoro di reporter. L’uccisione di Simone dimostra ancora una volta quanto urgente sia arrivare a una soluzione finalmente definitiva del conflitto in Medio Oriente. Ai famigliari e agli amici di Simone voglio esprimere a nome mio e di tutto il governo le condoglianze per questa perdita così dolorosa”.

Simone Camilli, che lascia la compagna e la figlia di 3 anni, è il primo giornalista straniero ucciso dall’inizio del conflitto a Gaza, nel quale hanno perso la vita oltre 1.900 palestinesi e 67 israeliani.

Fonte: adnkronos.com

 

Advertisements
Advertisements
Advertisements

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.