Arcola, maratona per il bilancio comunale, stangata in arrivo sui cittadini. Romeo e Cossu: “Manovra da lacrime e sangue

ARCOLA– Sono occorse oltre nove ore di consiglio comunale (dalle 18 sino a quasi l’alba), alla maggioranza guidata dal sindaco Orlandi per approvare il bilancio di previsione 2014. Nonostante il fuoco di fila dei due gruppi di opposizione (Debora Cossu e Salvatore Romeo per “Arcola attiva” e Valentina Massi, Brunella Righi e Corrado Santini per “Proposta per Arcola”) che hanno fortemente criticato la manovra economico-finanziaria in ogni suo aspetto, la giunta comunale ha retto compatta fino al voto finale, quando (a sorpresa ma non troppo a detta di chi lo conosce, amareggiato e deluso per le scarse risorse destinate alla difesa del territorio) ha fatto mancare il suo voto, con l’astensione, il consigliere di maggioranza Giuseppe Zubelli, esponente di primo piano del Comitato dei cittadini di Romito. Parte importante della discussione è stata incentrata sui costi per lo smaltimento rifiuti (2.159.000 €) e la disorganizzazione degli uffici comunali.

I punti principali della manovra approvata dal monocolore Pd + indipendenti sono la nuova tassazione definita Tasi, la Tari (tassa sui rifiuti che in alcuni casi aumenta addirittura sul 2013 quando era sta raddoppiata o triplicata), Irpef al massimo consentito (8%). Sarà, a detta di Romeo, un autunno di lacrime e sangue per i contribuenti arcolani,senza che si veda una minima iniziativa di lotta agli sprechi che sono stati puntualmente rilevati. Importante emendamento presentato dalla consigliere Massi sugli studenti fuori sede che si ritrovano a pagare due volte l’imposta: emendamento che è stato respinto dalla maggioranza. La neo consigliera Debora Cossu ha insistito sulla mancanza di sufficiente sensibilità nei riguardi di categorie più deboli quali le giovani coppie, le piccole attività commerciali, i redditi più bassi ecc. Puntuali le critiche dell’altra opposizione (Righi, Massi, Santini), che ha rimarcato la non attendibilità di alcune entrate quali la Tari e le alienazioni di fabbricati con il rischio di un default finanziarioA fine seduta i consiglieri Cossu e Romeo hanno annunciato per il consiglio del 21 agosto una mozione per sospendere il Fas del centro storico e destinare le risorse (oltre un milione di euro) alla sicurezza del territorio e ad altri importanti interventi attesi da tempo dalla cittadinanza. Durante la seduta, appena appresa la notizia della tragedia che ha colpito un lavoratore Acam, è stato osservato un minuto di raccoglimento per rimarcare l’assurdità di una ennesima morte sul luogo di lavoro.

(Salvatore Romeo e Debora Cossu, Gruppo consiliare “Arcola Attiva”)


Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.