Mostra di pergamene longobarde nel Castello di Varano de' Melegari

VARANO DE’ MELEGARI (PARMA)- Straordinaria mostra di pergamene longobarde nel Castello Pallavicino di Varano de’ Melegari.

Nell’occasione il Professor Pier Paolo Bonacini presenterà il suo libro “Cultura giuridica e prassi notarile nell’Italia Longobarda: le carte di Varsi”. Le pergamene furono ritrovate a Varsi e sono databili tra il 735 e il 774 all’epoca in cui Varsi fu un importante centro longobardo. Il professor Pierpaolo Bonacini, in uno studio attento e dettagliato, ha dimostrato che le pergamene fanno riferimento a Varsi e alla chiesa di S. Pietro e costituiscono un materiale fondamentale per la “conoscenza del territorio, l’agricoltura e la società del tempo, sulle donne e gli uomini che lì hanno vissuto, su un’area che all’epoca della dominazione longobarda era un importante crocevia commerciale e di valore strategico”. I curatori hanno sottolineato che lo scopo della Mostra è “avvicinare alla documentazione privata di età longobarda, mettendo in luce un profilo peculiare della prassi notarile altomedievale; un profilo che si evidenzia nell’utilizzo di uno strumentario giuridico estraneo alla tradizione ‘nazionale’ longobarda a base largamente consuetudinaria, ma che viene attinto a quella di matrice romana e con radici che affondano sino alla remota età repubblicana”.

Sulla manifestazione è da registrare la nota accorta di Flavio Nespi che ha scritto “vorrei dedicare questa mostra a Osvaldo Ghidoni che ci ha lasciati in questi giorni, vorrei ricordare che fu lui, allora assessore alla cultura del comune di Varsi a realizzare la prima mostra e il primo libro sulle pergamene di Varsi, il libro fu scritto dal prof. Pierpaolo Bonacini in collaborazione con l’archeologo Angelo Ghiretti presidente nel 2001 della consulta culturale di Varsi. Grazie Osvaldo per il sempre costante impegno che hai messo per la cultura e non solo del comune di Varsi. La mostra resterà aperta fino al 31 agosto 2014”. Sulla presenza longobarda a Varsi è il caso di segnalare il volume “Cultura giuridica e prassi notarile nell’Italia longobarda: le carte di Varsi”.
Il libro spiega l’editore ha “l’obiettivo soprattutto didattico: avvicinare gli studenti, e più in generale tutti gli interessati, alla documentazione privata di età longobarda (grazie anche alla traduzione delle fonti) mettendo nel contempo in luce un profilo peculiare della prassi notarile altomedievale; un profilo che si evidenzia nell’utilizzo di uno strumentario giuridico estraneo alla tradizione ‘nazionale’ longobarda a base largamente consuetudinaria, ma che viene attinto a quella di matrice romana e con radici che affondano sino alla remota età repubblicana”. L’Amministrazione comunale ritiene un privilegio di poter ospitare le Pergamene di Varsi a Varano de’ Melegari, operazione culturale che permette di “riconnettere i fili della storia e della cultura, valorizzare il passato che riaffiora lungo le valli dell’Appennino in un’alleanza fra territori finalizzata alla valorizzazione della cultura e della storia comune“.

Ingresso libero e gratuito.


Sarà possibile visitare la mostra fino al 31 agosto 2014, nei giorni ed orari di apertura del castello Pallavicino di Varano de’ Melegari,  incluse nel biglietto di ingresso con visita guidata.

Giorni e orari di apertura: 
Sabato 15-19,
Domenica e festivi 11-13 e 15-19.

L’esposizione è organizzata dalla Cooperativa Lasse, col patrocinio del Comune di Varano de’ Melegari, del Comune di Varsi insieme alle associazioni «Il Cammino Val Ceno», il «Centro Studi» e la «Consulta Culturale» varsigiana.

Informazioni: Lasse-Cooperativa Sociale; 
tel. 0525 400021


info@lasse-coop.it.

La storia di Varsi: valcenoweb.it

Il libro: www.mucchieditore.it

[vsw id=”e5R_-YoG7yo” source=”youtube” width=”425″ height=”344″ autoplay=”no”]

(Daniele Ceccarini)

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.