Sull'area occupata dall'Aeronautica Militare a Cadimare si giunga ad una fruizione concordata

LA SPEZIA – Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato dell’Associazione Posidonia:

“Condividiamo quanto scrive Claudia Bertanza sul campeggio dell’Aeronautica al Pozzale, sulle situazioni di privilegio e sulla non osservanza delle regole del Parco (articolo di ieri 7 agosto 2014).

Un discorso a parte merita invece l’area, ex aeroporto, che l’Aeronautica occupa tra Cadimare e Fezzano. Si tratta di una bellissima area verde, perfettamente tenuta e curata dai militari sulla quale si rincorrono voci su una futura dismissione e su progetti che sarebbero già pronti nei cassetti delle nostre amministrazioni. Noi cittadini speriamo fortemente che questa area non venga mai dismessa perchè se dovesse cadere nelle mani dei soliti noti amministratori ci ritroveremmo, in men che non si dica, con una cementificazione simile a quella della discesa verso San Terenzo.
Detto questo, favorevoli cioè a che l’Aeronautica mantenga il controllo dell’area, i cittadini sognano che si possa arrivare ad una fruizione concordata (l’espressione compare in uno studio condotto con la collaborazione dell’Università di Firenze nell’ormai lontano 2007) e hanno da tempo fatto alcune richieste e ipotesi per un utilizzo che migliorerebbe sicuramente la qualità della loro vita. Ne elenchiamo brevemente alcune:

– creare un passaggio lungo mare tra i borghi del Fezzano e Cadimare i cui abitanti si frequentano poco anche per la difficoltà e lo squallore dell’attuale percorso pedonale
– concessione dello spazio sottostrada in località Dazio che permetterebbe la creazione di un parcheggio eliminando così le auto dalla strada provinciale
– l’uso delle aree sportive
– la creazione, nei due grandi edifici che si trovano nel comune di Porto Venere (il confine tra il Comune della Spezia e quello di Porto Venere è il torrente Neto che attraversa l’area) di un campus universitario (potrebbe avervi sede la facoltà di Ingegneria Areonautica o altro).

Per ultimo, ma solo per sottolinearne l’importanza, è fortemente sentita dagli abitanti l’esigenza che venga tutelata e conservata la Palazzina, splendido esempio di architettura razionalista, alla quale recentemente Rachele Farina ha dedicato uno studio pubblicato dalle Edizioni Giacché. Anche sulla Palazzina si rincorrono voci che prevedono una sua trasformazione in albergo di extralusso con insegne in cirillico.
Gli abitanti del Fezzano e di Cadimare, e in generale del Golfo, hanno sempre amato molto l’area ex aeroporto, la considerano un bene comune da tutelare, preservare e proteggere e sono certi che i militari dell’Aviazione continueranno ad operare in questa direzione. Auspicano che si possano raggiungere accordi che rendano possibile una fruizione concordata dell’area che porterebbero benefici a tutta la comunità”.

Gabriella Reboa, per Associazione Posidonia

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.