MoVimento 5 Stelle, la plenaria conferma la fiducia ai consiglieri

LA SPEZIA– Una plenaria numerosa ha riconfermato la fiducia ai quattro consiglieri del MoVimento 5 Stelle: fiducia che, a seguito delle ultime vicende e delle spaccature interne, non sembrava così scontata come lo scorso anno. Pochissimi i contrari, 12 gli astenuti, 38 i favorevoli: così Ivan Mirenda, Christian Bertagna, Carlo Colombini e Erica Iannello continueranno la loro attività all’interno del Consiglio Comunale. Tanti gli elogi e gli appelli a “restare uniti“, ma anche qualche critica da chi vorrebbe, da parte dei consiglieri comunali, un’attività politica più “forte”, un’opposizione più dura, più simile a quella dei parlamentari. “Applaudiamo i parlamentari che salgono sui tetti” ha detto Marcella Ariodante, (prima dei non eletti, quindi in pole position per entrare in Consiglio se uno dei quattro consiglieri lasciasse),chiedendo maggiore incisività.
Ha parlato, per i consiglieri, il capogruppo Ivan Mirenda, che ha ammesso che ci sono stati degli sbagli, ma ha rimarcato i successi ottenuti (dall’acqua a Km Zero fino alla Grotta della Madonna: entrambe le mozioni dovrebbero diventare operative entro la fine dell’anno).

Ci sono stati anche due abbandoni: Massimo Baldino e Mario Bonelli, da tempo in disaccordo con il comportamento politico dei consiglieri, hanno lasciato il gruppo attivisti del M5S spezzino. Altri attivisti si sono detti dispiaciuti per questi due abbandoni, sostenendo che “l’unione fa la forza” anche se può esservi del dissenso. Quello che però sembra emergere è una scarsità di comunicazione tra i consiglieri e gli attivisti, che non verrebbero informati quando c’è bisogno di loro e, per questo, non riescono ad aiutare adeguatamente i loro rappresentanti. Su questo, forse, il MoVimento può migliorare.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.