Dopo Lerici e Portovenere, il Festival del Jazz torna a Spezia

LA SPEZIA– Dopo i tre concerti a Portovenere e Lerici il festival Internazionale del Jazz ritorna a casa. Dal 9 al 20 luglio La Spezia ospiterà oltre 200 musicisti che arriveranno da tutto il mondo per partecipare al più longevo festival jazz italiano. Dal 9 al 11 nella sede storica del festival il Teatro Civico si terranno i primi tre concerti a pagamento di questa edizione.

Si partirà il 9 luglio alle 21.45 con That’s the way I feel now a tribute to T.Monk, progetto che coinvolge un coro di 40 elementi, accompagnato da musicisti di grande esperienza che affronteranno il repertorio attraverso arrangiamenti originali di grande impatto emotivo. Progetto “local” musica a Km 0 presentato al Festival Internazionale del Jazz della Spezia dal Four Steps Choir, formazione assai conosciuta in città, e guidata dalla direttrice ed arrangiatrice Gloria Clemente, che ha accettato la sfida di misurarsi con un mostro sacro del jazz e ha realizzato degli arrangiamenti per coro partendo dalle versioni vocali dei brani di Monk di Carmen McRae ed arricchendoli con elaborate sezioni di fiati che completano il tutto. Diversi momenti d’improvvisazione free caratterizzano ancor più lo spettacolo che spazierà nel repertorio monkiano toccando tutti i brani più apprezzati e alternando le sonorità più asciutte del trio più solisti al ricco caleidoscopio sonoro ottenuto dall’utilizzo di fiati e del coro, protagonista assoluto della serata. L’ingresso al concerto sarà di euro 10 ed i biglietti sono acquistabili online su www.ciaotickets.com o direttamente al botteghino del Teatro Civico.

Quando i fautori di questo bellissimo progetto, mi hanno contattato per propormi di inserirlo nel cartellone della 46 edizione del Festival, non ho esitato un solo minuto a confermarlo. – Dichiara Italo Leali direttore del festival – Il progetto oltre alla qualità e la ricerca artistica, rafforza il rapporto che dal 2011 il festival cerca di avere con i musicisti della Spezia e del territorio. Per il 2014 abbiamo messo in programma oltre a questo concerto, quello dell’Orchestra jazz del Conservatorio e quello della Monday Big Band. Importanti realtà del territorio che il festival, vista anche la valenza artistica, ha l’obbligo di sostenere e far conoscere. Sono convinto che il festival, oltre ad ospitare grandi nomi internazionali del jazz, debba anche essere una vetrina per le realtà musicali della città e formare le nuove generazioni di musicisti. Per il concerto del 9 luglio poi, visti gli importanti musicisti coinvolti nel progetto con anni e anni di esperienza professionale alle spalle e le 40 voci del coro coinvolte, sono convinto che sarà un momento musicale destinato a lasciare un segno importante nella storia musicale della città. Voglio cogliere l’occasione per ringraziare i creatori di questo progetto per aver scelto il festival per presentarlo.”

Il 10 luglio sarà invece il giorno di uno dei concerti più attesi del festival e che vedrà come protagonista Tom Harrell, una delle leggende viventi del jazz, e di Esperanza Spalding una delle più conosciute star del momento. L’11 luglio chiuderà il ciclo di concerti al Teatro Civico Peppe Servillo con il suo progetto Futbol.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.