Festival Inequilibrio: ultimi due giorni

Castiglioncello – Domenica 6 luglio 2014 Giornata conclusiva della XVII edizione di Inequilibrio, festival della nuova scena tra teatro e danza, che ha visto 30 compagnie di rilevanza nazionale e internazionale animare il Castello Pasquini con 51 repliche e ben 19 spettacoli in prima nazionale. Molto il pubblico che ha partecipato all’evento e che ha fatto registrare il tutto esaurito per moltissimi degli spettacoli in programma. La giornata si apre con la presentazione del libro Declino del teatro di regia di Franco Cordelli alle ore 11 alla Limonaia, che l’autore presenterà con Simone Nebbia. Si prosegue quindi alle 17 ancora alla Limonaia con la presentazione del libro Nuovi media, nuovo teatro di Anna Maria Monteverdi. Un libro, questo che conclude la rassegna Inequilibri, pensato per presentare le più fruttuose sperimentazioni italiane e internazionali nell’ambito teatrale e le linee teoriche più avanzate relative ai media studies. Presentazione con Anna Maria Monteverdi e Roberto Rinaldi.

Gli spettacoli prendono il via con la doppia replica, alle 18.00 e alle 19.30 (già esaurita), de Il vecchio e il mare, frutto del laboratorio di costruzione teatrale tenuto da Roberto Abbiati in collaborazione con il direttore d’orchestra Alessandro Nidi. Si prosegue alle 18.30 con Steps ahead. Spazio di verifica, restituzione scenica del laboratorio internazionale di sperimentazione di pratiche di peer coching che si è svolto dal 3 al 5 luglio presso Artimbanco a Cecina. L’evento si svolge come un percorso di immagine, suono, parola e movimento nei vari spazi di attesa, di passaggio, di incontro della stazione ferroviaria di Castiglioncello. Alle 19.00 a castello Pasquini, Daniele Ninnarello presenta Rock Rose WoW, un tentativo di scolpire il profilo di tre distinti corpi che insistono verso il proprio “ego” riconoscendosi in un meccanismo che si ripete senza evolversi. Rock Rose è un fiore che in natura tende ad aprire e chiudere la sua corolla molto velocemente evocando sensazioni d’instabilità e perdita di controllo, tipiche degli statidipanico. In contemporanea alle 19 al ristorante Il Cardellino, via della Pineta 16, a Castiglioncello fuoriprogramma, in collaborazione con Vetrina Toscana andrà in scena Inequilibrio sul gusto. Tra teatro e danza, con la qualità del cibo di Vetrina Toscana: in sintesi i Gogmagog metteranno in scena all’interno del ristorante in replica straordinaria, lo spettacolo “Scherzo ma non troppo” di Virginio Liberti, regia di Tommaso Taddei, protagonista Carlo Salvador. Un evento che mette d’accordo cultura e buona cucina, teatro e bontà enogastronomiche nostrane che lo stesso autore presenta così: “Un formidabile venditore proveniente da una lunga tradizione di venditori, un uomo dall’eloquio funambolesco e mutevole vi proporrà un prodotto a cui è veramente difficile dire di no, un articolo a cui ogni persona viva (che desidera rimanere tale) non può rinunciare. Ascoltatelo attentamente, oltre a rendervi edotti sulle innegabili qualità, sulla naturalezza e sulla convenienza del prodotto, vi farà partecipi delle sue straordinarie esperienze di vita in un’incontro piacevole e leggero… come l’aria.- conclude lo stesso Liberti- Soddisfatti o rimborsati. Naturalmente scherzo…ma non troppo”. L’ingresso è gratuito. Il buffet a degustazione sarà offerto al termine della performance.

Segue alle 20.00 Luca Scarlini con la replica de Il castello della follia – Pirandello pensando a Castiglioncello e Gardone Riviera, un racconto per suono e voce, in prima nazionale a Castiglioncello, che rievoca, nei luoghi che li hanno ispirati, i personaggi del grande autore siciliano, che per lunghi periodi visse a Castiglioncello,scegliendola come sua dimora estiva negli ultimi anni, in specie dal 1932 al 1934. Qui scrisse molte delle sue ultime opere, dedicate alla sua musa, Marta Abba, ma anche prima aveva frequentato per scorcio i luoghi marini, che lo attiravano e lo respingevano a un tempo, quando vedeva esporsi sulla spiaggia i corpi dei bagnanti, che lo turbavano. Alcune fonti dicono che al Castello Pasquini ha tratto ispirazione per il suo Enrico IV, storia di un uomo bloccato nella sua follia, costretto a ripetere per sempre una lugubre mascherata medievale. A questo luogo dell’eclettismo architettonico e al Vittoriale di Gardone, egli si ispira per una profezia del ‘900, in cui il personaggio è costretto a ripetere per sempre una sua personale e tristissima follia. Luca Scarlini racconta uno dei testi capitali del teatro novecentesco e l’immaginazione che lo ha determinato. Luca Scarlini, traduttore, scrittore, voce radiofonica, storyteller in scena. Ha all’attivo numerosi racconti in Italia e all’estero di Storie dell’Arte, nella relazione tra immaginazione e dimensione collettiva. Tra i suoi ultimi libri: Sacre sfilate (Guanda), Il Caravaggio rubato (Sellerio), Andy Warhol superstar (Johan and Levi), Siviero contro Hitler (Skira). Alle 21.00 è invece la volta di Cavalieri dalla triste figura – Primo passo nel Don Chisciotte, la replica dello spettacolo della Compagnia Garbuggino – Ventriglia coprodotto da Armunia/Festival Inequilibrio. La rilettura del grande classico di Miguel De Cervantes da parte della Compagnia trova qui una prima tappa, per un teatro che, come scrive Attilio Scarpellini, “è fatto di minuziose, talvolta impercettibili, trasfigurazioni di corpi e cose”. Chiude la serata alle ore 22.30 l’anteprima di Hamlet travestie, ultimo spettacolo di Punta Corsara prodotto da 369gradi in collaborazione con Teatro Franco Parenti. Partendo dalla riscrittura burlesque settecentesca di John Poole e passando per il Don Fausto di Antonio Petito la Compagnia immagina una famiglia napoletana a noi contemporanea fatta di sopravvivenza quotidiana e legami bloccati in una stasi violenta in nome dell’unità. Dissociato se ne sta Amleto, il figlio senza padre attorno al quale si snoda un’improbabile tragedia redentiva.

Presso il Parco del Castello, dalle ore 18.30, da non perdere l’area ristoro a Km zero: prodotti naturali e biologici della tradizione culinaria toscana. E, sempre nel parco, la mostra-mercato di prodotti artigianali con materiali di prima qualità e riciclati.

Giornata conclusiva della XVII edizione di Inequilibrio, festival della nuova scena tra teatro e danza, che ha visto 30 compagnie di rilevanza nazionale e internazionale animare il Castello Pasquini con 51 repliche e ben 19 spettacoli in prima nazionale. Molto il pubblico che ha partecipato all’evento e che ha fatto registrare il tutto esaurito per moltissimi degli spettacoli in programma. La giornata si apre con la presentazione del libro Declino del teatro di regia di Franco Cordelli alle ore 11 alla Limonaia, che l’autore presenterà con Simone Nebbia. Si prosegue quindi alle 17 ancora alla Limonaia con la presentazione del libro Nuovi media, nuovo teatro di Anna Maria Monteverdi. Un libro, questo che conclude la rassegna Inequilibri, pensato per presentare le più fruttuose sperimentazioni italiane e internazionali nell’ambito teatrale e le linee teoriche più avanzate relative ai media studies. Presentazione con Anna Maria Monteverdi e Roberto Rinaldi. Gli spettacoli prendono il via con la doppia replica, alle 18.00 e alle 19.30 (già esaurita), de Il vecchio e il mare, frutto del laboratorio di costruzione teatrale tenuto da Roberto Abbiati in collaborazione con il direttore d’orchestra Alessandro Nidi. Si prosegue alle 18.30 con Steps ahead. Spazio di verifica, restituzione scenica del laboratorio internazionale di sperimentazione di pratiche di peer coching che si è svolto dal 3 al 5 luglio presso Artimbanco a Cecina. L’evento si svolge come un percorso di immagine, suono, parola e movimento nei vari spazi di attesa, di passaggio, di incontro della stazione ferroviaria di Castiglioncello. Alle 19.00 a castello Pasquini, Daniele Ninnarello presenta Rock Rose WoW, un tentativo di scolpire il profilo di tre distinti corpi che insistono verso il proprio “ego” riconoscendosi in un meccanismo che si ripete senza evolversi. Rock Rose è un fiore che in natura tende ad aprire e chiudere la sua corolla molto velocemente evocando sensazioni d’instabilità e perdita di controllo, tipiche degli statidipanico. In contemporanea alle 19 al ristorante Il Cardellino, via della Pineta 16, a Castiglioncello fuoriprogramma, in collaborazione con Vetrina Toscana andrà in scena Inequilibrio sul gusto. Tra teatro e danza, con la qualità del cibo di Vetrina Toscana: in sintesi i Gogmagog metteranno in scena all’interno del ristorante in replica straordinaria, lo spettacolo “Scherzo ma non troppo” di Virginio Liberti, regia di Tommaso Taddei, protagonista Carlo Salvador. Un evento che mette d’accordo cultura e buona cucina, teatro e bontà enogastronomiche nostrane che lo stesso autore presenta così: “Un formidabile venditore proveniente da una lunga tradizione di venditori, un uomo dall’eloquio funambolesco e mutevole vi proporrà un prodotto a cui è veramente difficile dire di no, un articolo a cui ogni persona viva (che desidera rimanere tale) non può rinunciare. Ascoltatelo attentamente, oltre a rendervi edotti sulle innegabili qualità, sulla naturalezza e sulla convenienza del prodotto, vi farà partecipi delle sue straordinarie esperienze di vita in un’incontro piacevole e leggero… come l’aria.- conclude lo stesso Liberti- Soddisfatti o rimborsati. Naturalmente scherzo…ma non troppo”. L’ingresso è gratuito. Il buffet a degustazione sarà offerto al termine della performance.

Segue alle 20.00 Luca Scarlini con la replica de Il castello della follia – Pirandello pensando a Castiglioncello e Gardone Riviera, un racconto per suono e voce, in prima nazionale a Castiglioncello, che rievoca, nei luoghi che li hanno ispirati, i personaggi del grande autore siciliano, che per lunghi periodi visse a Castiglioncello,scegliendola come sua dimora estiva negli ultimi anni, in specie dal 1932 al 1934. Qui scrisse molte delle sue ultime opere, dedicate alla sua musa, Marta Abba, ma anche prima aveva frequentato per scorcio i luoghi marini, che lo attiravano e lo respingevano a un tempo, quando vedeva esporsi sulla spiaggia i corpi dei bagnanti, che lo turbavano. Alcune fonti dicono che al Castello Pasquini ha tratto ispirazione per il suo Enrico IV, storia di un uomo bloccato nella sua follia, costretto a ripetere per sempre una lugubre mascherata medievale. A questo luogo dell’eclettismo architettonico e al Vittoriale di Gardone, egli si ispira per una profezia del ‘900, in cui il personaggio è costretto a ripetere per sempre una sua personale e tristissima follia. Luca Scarlini racconta uno dei testi capitali del teatro novecentesco e l’immaginazione che lo ha determinato. Luca Scarlini, traduttore, scrittore, voce radiofonica, storyteller in scena. Ha all’attivo numerosi racconti in Italia e all’estero di Storie dell’Arte, nella relazione tra immaginazione e dimensione collettiva. Tra i suoi ultimi libri: Sacre sfilate (Guanda), Il Caravaggio rubato (Sellerio), Andy Warhol superstar (Johan and Levi), Siviero contro Hitler (Skira).

Alle 21.00 è invece la volta di Cavalieri dalla triste figura – Primo passo nel Don Chisciotte, la replica dello spettacolo della Compagnia Garbuggino – Ventriglia coprodotto da Armunia/Festival Inequilibrio. La rilettura del grande classico di Miguel De Cervantes da parte della Compagnia trova qui una prima tappa, per un teatro che, come scrive Attilio Scarpellini, “è fatto di minuziose, talvolta impercettibili, trasfigurazioni di corpi e cose”. Chiude la serata alle ore 22.30 l’anteprima di Hamlet travestie, ultimo spettacolo di Punta Corsara prodotto da 369gradi in collaborazione con Teatro Franco Parenti. Partendo dalla riscrittura burlesque settecentesca di John Poole e passando per il Don Fausto di Antonio Petito la Compagnia immagina una famiglia napoletana a noi contemporanea fatta di sopravvivenza quotidiana e legami bloccati in una stasi violenta in nome dell’unità. Dissociato se ne sta Amleto, il figlio senza padre attorno al quale si snoda un’improbabile tragedia redentiva.

Presso il Parco del Castello, dalle ore 18.30, da non perdere l’area ristoro a Km zero: prodotti naturali e biologici della tradizione culinaria toscana. E, sempre nel parco, la mostra-mercato di prodotti artigianali con materiali di prima qualità e riciclati.

 

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.