Pitelli: gli anonimi dicono di scavare in un sito che è di proprietà del Comune

LA SPEZIA– Gli scavi effettuati nella collina di Pitelli i giorni scorsi hanno sollevato molto discussioni. Si attendono i risultati delle analisi sul materiale prelevato: la foto di un sacco recante la scritta “uranio” aveva destato molte preoccupazioni, ma ancora non vi sono notizie certe. Alcuni esponenti del PD hanno chiesto che il sito ritorni d’interesse nazionale e voci di corridoio dicono che questa dichiarazione pubblica abbia sollevato un certo malumore tra le fila del Partito, visto che in occasione del declassamento il sindaco Federici aveva gioito, ringraziando Raffaella Paita per aver sostenuto “con convinzione e determinazione l’uscita di Pitelli dal SIN“. Sui nuovi scavi, però, a Palazzo le bocche sono cucite, nonostante sia certo (da verifiche effettuate dalla redazione di LaSpeziaOggi) che, tra i siti indicati dagli anonimi che hanno portato alla scoperta della “nuova” discarica, ve ne sia anche uno di proprietà del Comune, sempre nella “collina dei veleni“.

Cosa c’è in quel sito? Il Comune ne è a conoscenza? Si scaverà e quando? L’Amministrazione dovrebbe fornire risposte e spiegazioni ai propri cittadini, soprattutto a quelli di Pitelli e Pagliari. Le aspettiamo, così come si aspetta la convocazione del Consiglio Comunale straordinario su Pitelli.

 

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.