Anoressia. I veri colpevoli. Un libro di Lorenzo Bracco

LA SPEZIA– “Anoressia. I veri colpevoli“, edito da Book Sprint Edizioni, è un libro del professor Lorenzo Bracco, medico e psicoterapeuta, vincitore del Premio Cesare Pavese 2013 Medici Scrittori Saggistica. Ce lo segnala Dario Voltoini, giornalista, scrittore e “scopritore di libri belli“, che lo definisce “come un messaggio in una bottiglia in mezzo all’oceano, solo letto da alcuni, peraltro con positivo riscontro, sia fra addetti ai lavori (Ordini dei Medici di Torino, di Napoli, di Parma) sia fra giornalisti dei mass media (La Repubblica, 17 dic 2013)”.

La quarta di copertina.

Individuare i veri colpevoli dell’anoressia: una bella sfida. È il primo e necessario passo non solo per curarla, ma anche per prevenirla. Più concause sarebbero a monte di anoressia e disturbi alimentari. Ma siamo sicuri di aver identificato le concause “pietre angolari” dell’anoressia, i veri colpevoli? In caso contrario si rischierebbe di trasformare una concausa in capro espiatorio: ad esempio il rapporto genitori-figli, gettando così l’ombra della colpa sulla famiglia. Non meno avvincente di una “medical serie” televisiva, questo libro percorre intelligenti piste di indagine che saranno di conforto per chi si trova nel tunnel della colpevolizzazione e che non mancheranno di interessare il lettore capace di vedere nella malattia una manifestazione dell’umana, affascinante avventura del vivere.

 Uno stralcio dell’intervista di Voltoini al professor Bracco.

Voltolini. Il libro, pur essendo un trattato scientifico rigoroso, è scritto in modo tale da essere un’avvincente lettura per chiunque, condotto come uno dei migliori episodi di una medical serie televisiva, ad esempio Doctor House, dove il percorso per giungere alla diagnosi e alla terapia è simile a quello di un detective alla Sherlock Holmes. L’indagine comincia distinguendo due tipi di anoressia, quella adolescenziale femminile, che esordisce quando la ragazza arriva all’adolescenza anche se può ripresentarsi in seguito nell’arco della vita, e un’anoressia indipendente da sesso e età, che in ambedue i sessi può esordire in qualunque fase della vita. Limitandoci ora all’anoressia adolescenziale femminile, che è quella in questo momento di maggior impatto sociale, leggendo il libro di Bracco poco alla volta, di pagina in pagina, scopriamo come problemi di rapporto, in particolare quello tra madre e figlia, possono essere conseguenza di una causa traumatica e come si possa intervenire con una terapia specifica del trauma.

Bracco. Sì, terapia dei traumi, soprattutto di quelli molto precoci, ovvero quelli avvenuti tra il concepimento e la nascita e quelli avvenuti nel primo periodo dopo la nascita. Per sopravvivere a un evento fortemente drammatico quale ad esempio un distacco di placenta, o un parto distocico, si richiede al sistema neurovegetativo di questo essere che è all’inizio della vita una risposta di intensità estrema. Il sistema neurovegetativo così stimolato è molto probabile che ne resti traumatizzato. Questi traumi, se non curati, lasciano traccia nel carattere di chi li ha subiti e, come per effetto domino, vengono ad essere alterate anche le relazioni con il mondo esterno. Come poter pensare che il rapporto con i genitori, in particolare con la madre, non ne risenta? A questo riguardo nella mia proposta terapeutica introduco la NARM, ovvero Neuro Affective Relational Model. È un modello integrato di terapia del trauma delle età evolutive ideato e messo a punto dal dottor Laurence Heller. Heller anziché il termine “carattere”, che sottende solitamente un senso di inamovibile fissità, usa l’espressione “survival style”, che trovo ben più esaustiva e che di conseguenza uso anche io. Il survival style di una persona si è plasmato per sopravvivere a uno o più eventi traumatici. Come strategia poteva essere all’epoca la migliore, ma non è adeguata alla situazione presente della persona. Nel libro la NARM non è presentata come in una trattazione sistematica, ma emerge progressivamente nel corso dell’indagine.  

Il libro: www.ibs.it

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.