Note giuridiche: il divorzio breve

Il testo approvato dalla commissione Giustizia della Camera ha approvato all’unanimità è il seguente:
Modifiche all’articolo 3 della legge 1° dicembre 1970, n. 898, in materia di presupposti per la domanda di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio.
C. 831 Amici, C. 892 Centemero, C. 1053 Moretti, C. 1288 Bonafede, C. 1938 Di Lello e C. 2200 Di Salvo.

PROPOSTA DI TESTO UNIFICATO DEI RELATORI
(8 aprile 2014)

Disposizioni in materia di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio nonché di comunione tra i coniugi
Art. 1.
1. Al secondo capoverso della lettera b) del numero 2) del primo comma dell’articolo 3 della legge 1 dicembre 1970, n. 898, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) al primo periodo le parole: «tre anni a far tempo dalla avvenuta comparizione dei coniugi innanzi al presidente del Tribunale nella procedura di separazione personale anche quando il giudizio contenzioso si sia trasformato in consensuale.» sono sostituite dalle seguenti: «dodici mesi dal deposito della domanda di separazione.»;
b) dopo il primo periodo è inserito il seguente: «Nelle separazioni consensuali dei coniugi, in assenza di figli minori, il termine di cui al periodo precedente è di nove mesi».
Art. 2.
1. All’articolo 191 del codice civile è aggiunto, in fine, il seguente comma:«Nel caso di separazione personale, la comunione tra i coniugi si scioglie nel momento in cui, in sede di udienza presidenziale, il presidente autorizza i coniugi a vivere separati»

Il testo non è ancora legge dello Stato, dovendo completare l’iter parlamentare e potendo, quindi, anche essere modificato, però, essendo stato approvata o all’unanimità dalla Commissione, verosimilmente rappresenterà il testo definitivo, quantomeno nei punti essenziali.
Le novità più rilevanti riguardano i tempi per la separazione, che intanto decorrono dall’inizio della procedura, in altre parole dal momento della domanda, e non più dalla comparizione dinanzi al Presidente, e che sono sensibilmente più brevi rispetto al passato.
In caso di separazione consensuale, quindi, il termine per ottenere il divorzio in presenza di figli minori o affetti da gravi handicap è di un anno e non più di tre e, in caso di assenza di figli minori, di nove mesi.
Nel testo in via di elaborazione, poi, si parla, giustamente, di una norma transitoria, che permetterebbe l’applicabilità immediata a tutti coloro che al momento dell’entrata in vigore della legge si trovassero già in corso di separazione; appare ragionevole pensare, dunque, che chi avesse già maturato un anno dalla separazione consensuale, potrebbe immediatamente chiedere il divorzio.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.