Elezioni europee: l'Italia premia Matteo Renzi

LA SPEZIA- I dati definitivi hanno confermato la tendenza delle proiezioni. Il PD, trainato secondo gli estimatori, dal carisma di Matteo Renzi e secondo i critici dall’effetto 80 euro, ha vinto le elezioni europee. Anzi, ha stravinto, attestandosi al 40,81%. Il Presidente del Consiglio si è detto “commosso“, il risultato probabilmente giunge inaspettato anche per lui. Festeggiano i politici spezzini su Twitter, inneggiando al “cambiamento”. Il secondo partito dopo il PD è il MoVimento 5 Stelle, che raccoglie il 21,16%:  Beppe Grillo e i suoi si aspettavano di più, molto di più e la delusione è tanta. Crollo per Forza Italia, forse per effetto delle divisioni continue negli schieramenti di centro-destra; il partito guidato da Giovanni Toti raccoglie il 16,82% e si ferma al terzo posto. Segue la Lega Nord, di poco sopra il 6%. Ce la fanno, sul filo di lana, anche il Nuovo Centro Destra (4,38%) e la lista L’altra Europa con Tsipras (4,03%). Fuori tutti gli altri.

Nel comune spezzino i risultati pro-PD sono ancora più clamorosi: il partito che governa la città, infatti, vola al 48,50%.
(Tutti gli altri: elezioni.interno.it/laspezia).

Qualunque sia la lettura che si voglia dare di queste elezioni, che a seconda di chi ha vinto o perso, verranno considerate “politiche” o “solo europee”, agli italiani (almeno a quelli che sono andati a votare, meno del 60%) il Partito Democratico piace. Grillo non ha convinto, o forse fa paura per i toni spesso fuori dalle righe.

 

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.