Voci dalla Piazza: il MoVimento 5 Stelle e Enrico Pandolfo

Stamattina la giunta spezzina gioiva nell’abbattere gli storici pini domestici settantennali di Piazza Verdi, da rimpiazzare con archi francesi in cemento armato. Tutto alla modica cifra di 3 milioni di euro, mentre nella nostra città la TASI costerà più dell’IMU e i cittadini pagheranno la TARI per stare in compagnia della spazzatura ad ogni angolo di strada. C’est la vie, le sentenze si rispettano SEMPRE, soprattutto quando non ci piacciono. Ci siederemo sulla riva del fiume ad aspettare il cadavere del nostro nemico: l’arroganza della vostra politica ha i giorni contati.
La pazienza è la virtù dei forti, le minacce e le intimidazioni non ci spaventano.
La nostra rabbia sarà manifestata a colpi di matita nelle urne questo 25 Maggio!

(MoVimento 5 Stelle La Spezia)

Spettabile redazione,
sono profondamente amareggiato per quanto avvenuto oggi in piazza Verdi e se di qualche utilità desidererei esprimere un mio pensiero. Ringrazio per il servizio informativo che svolgete verso la città. Oggi le persone presenti in piazza Verdi hanno assistito ad una esecuzione. Non quella dei poveri innocenti pini ma la decapitazione della” partecipazione” dei cittadini alla immagine ed alla storia della loro città.Non vi era alcuna urgenza di procedere se non per dare un segnale intimidatorio. Ai cittadini che hanno votato dei loro rappresentanti è stato negato il diritto di interloquire perché ciò avrebbe ridotto il potere di tali personaggi.  Costoro invece vogliono accreditarsi come plenipotenziari. Oggi è stato decapitato il buon governo, l’impegno morale della delega ed aggiungerei il buon gusto.La volgarità di prepotenti autoreferenziali è stato il vero spirito maligno della piazza. Una pagina da non ripetere ma da non dimenticare.

(Enrico Ovaleo Pandolfo)

 

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.