Torino e Lisbona. Due città, due grandi musei: un prezioso scambio di opere d’arte

TORINO – LISBONA – Sono state inaugurate nei giorni scorsi, e proseguiranno fino a settembre, due importanti mostre:  Palazzo Madama (Torino), dal 7 maggio al 28 settembre saranno visibili 120 opere raccolte nella mostra Tesori dal Portogallo. Architetture immaginarie dal Medioevo al Barocco, che racconta l’architettura: quella progettata per la vita degli uomini e quella immaginata dagli artisti per dare forma a oreficerie, dipinti e sculture, feste e scenografie teatrali.

Al Museu Nacional de Arte Antiga, (Lisbona) dal 17 maggio al 28 settembre, l’esposizione Os Saboias reis e mecenas. Turim 1730-1750 (I Savoia re e mecenati. Torino 1730-1750) ospita il profilo alto della produzione artistica piemontese nel periodo in cui Filippo Juvarra proietta la cultura di Torino nell’orizzonte della modernità europea.

Si possono ammirare capolavori provenienti non solo da Palazzo Madama, ma anche dalla Galleria Sabauda, Palazzo Reale, Archivio di Stato e Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino, Archivio di Stato di Biella, Castello di Racconigi e altri istituzioni piemontesi. Le mostre sono state realizzate nell’ambito di un progetto di partenariato tra i due paesi che ha come obiettivo lo scambio di esperienze e di patrimoni, nel segno di una politica culturale che vede nelle relazioni internazionali un importante orizzonte di crescita. L’iniziativa si sviluppata grazie ai nuovi rapporti promossi dalla Città di Torino con la capitale portoghese; Portogallo e Italia rinnovano così un dialogo secolare che ha visto, nel tempo, anche la centralità dell’asse Torino-Lisbona, mediato dai rapporti tra le case regnanti e da importanti scambi culturali.
Il progetto ha coinvolto anche la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte e i direttori di primari istituti ad essa afferenti, preposti alla tutela e alla valorizzazione dei beni culturali.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.