Comitato per Piazza Verdi: “Tar, sentenza politica”.

LA SPEZIA– Alla fine il Comune ha vinto. La sentenza del Tar che accoglie le ragioni agli avvocati Stefano Carabba e Giovanni Bormioli (per leggerla: www.giustiziaamministrativa.it) è uscita oggi un po’ “a sorpresa”; la aspettavano tutti dopo le elezioni europee. Invece nel tardo pomeriggio è piombata “tra capo e collo” del Comitato e delle Associazioni ambientaliste. I membri del Comitato esprimono delusione e un po’ di rabbia per una sentenza che è considerata “politica”. “Questa sentenza” dicono “dà ragione in toto al Comune, ma accoglie posizioni non sostenibili e ignora buona parte delle memorie presentate dagli avvocati Piera Sommovigo e Rino Tortorelli“. I legali, dopo l’udienza del 29 aprile scorso, avevano espresso un “moderato ottimismo“, poiché le posizioni del Comune apparivano deboli. Invece i magistrati Santo Balba, Davide Ponte e Angelo Vitali le hanno accolte pienamente.

Stando così le cose, i pini potrebbero teoricamente essere abbattuti in tempi brevi e proprio questa è la maggior paura del Comitato; per presentare istanza al Consiglio di Stato sono necessarie almeno 24-48 ore, quindi prima di mercoledì i legali non riusciranno a depositarla. Cosa deciderà di fare il Comune? Da Palazzo Civico, nelle scorse settimane erano arrivate vaghe rassicurazioni, ma la certezza che non decidano di intervenire immediatamente non c’è. “La battaglia“, dice ancora il Comitato, “va avanti, siamo dalla parte della ragione e cercheremo di far valere le nostre tesi in Consiglio di Stato“. Intanto “facciamo i complimenti al sindaco Federici per la sua costanza; non ha mai mollato, nemmeno per un minuto, su Piazza Verdi“.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.