Mercenari italiani in Ucraina? Un articolo di Vinicio Ceccarini

[vsw id=”wxdm81So5gM” source=”youtube” width=”425″ height=”344″ autoplay=”no”]

Nel filmato di 34 secondi si possono vedere due civili che conversano con un mercenario. Gli autori affermano che sia stato ripreso furtivamente nel villaggio Andreevka, vicino a Kramatorsk e Slavjansk, regione di Doneck. La situazione è ovviamente tutta da verificare, ma secondo il noto giornalista free lance Mark Bernardinila ragazza è settentrionale, forse veneta. Lui è meridionale. Il mercenario è dell’Italia centrale, probabilmente romano, forse ciociaro”. Il filmato ripropone il problema dei mercenari: chi sono, cosa fanno, come e perché vengono reclutati. Il protocollo addizionale 8 giugno 1977 alle Convenzioni di Ginevra relativo alla protezione delle vittima nei conflitti armati internazionali, definisce mercenario la persona: a) espressamente reclutata nel paese o all’estero per combattere in un conflitto armato; b) di fatto prende parte diretta alle ostilità;c) che partecipa alle ostilità essenzialmente in vista di ottenere un vantaggio personale ed alla quale è stata effettivamente promessa, da una parte al conflitto o a nome di quest’ultima, una remunerazione materiale nettamente superiore a quella promessa o pagata a combattenti aventi rango e funzioni analoghe nelle forze armate di detta parte;d) che non è cittadina di una parte al conflitto, né residente del territorio controllato da una parte al conflitto; e) che non è membro delle forze armate di una parte al conflitto; f) che non è stata inviata da uno stato diverso da una parte al conflitto, in missione ufficiale come membro delle forze armate di tale Stato. La Convenzione è entrata in vigore il 20 ottobre 2001 col nome di United Nations Mercenary Convention, a cui ha aderito l’Italia. Di conseguenza, la nostra legislazione, non consente ”la partecipazione di soggetti, diversi dalle proprie forze armate, a conflitti armati nel territorio di un altro Stato”, in applicazione della convenzione ONU del 1989, ratificata con la legge 12 maggio 1995, n. 210.

Tornando al filmato, si pongono domande inquietanti: chi sono le persone nel filmato? Come sono arrivate in Ucraina? Le autorità italiane sono al corrente di quanto sta accadendo?

[vsw id=”VWs1jtyyPJ0″ source=”youtube” width=”425″ height=”344″ autoplay=”no”]

(Vinicio Ceccarini)

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.