Klimt e Musil nella settimana di Aidea

Martedì 29 aprile alle 15,30
Per il corso di Storia dell’Arte dell’Associazione Aidea, che si svolge tutti i martedì presso Liceo Classico Lorenzo Costa Piazza Verdi, avrà luogo un incontro su Gustave Klimt che vedrà come relatori gli studenti delle classi  terze del Liceo Classico.  Gli studenti  illustreranno l’intero percorso artistico di Gustav Klimt, una delle personalità più innovative dell’arte europea e  uno dei più importanti rappresentanti di quel periodo straordinariamente fecondo e complesso che ha contraddistinto il tramonto dell’Impero Asburgico. Le linee sinuose ed eleganti dell’Art Nouveau si incontrano, nello stile di Klimt, con una ricchezza inesauribile di tematiche e di motivi decorativi, che spaziano dal paesaggio al ritratto, dall’allegoria, alla meditazione sulla vita umana, dalla gioia di vivere all’angoscia esistenziale, facendone una delle personalità più complesse e interessanti della storia della pittura. Gli studenti, con continui rimandi allo straordinario contesto storico, letterario e musicale, partiranno agli esordi, ancora inscrivibili nella scia della tradizione aulica, al grande periodo della Secessione Viennese, affrontando cicli pittorici famosi come il  Fregio di Beethoven, fino a giungere ai lavori del periodo aureo e a quelli, dell’ultima fase della sua produzione. INGRESSO LIBERO

Martedì 29 aprile alle 17,10
corso annuale di Storia contemporanea presso Liceo Classico Lorenzo Costa Piazza Verdi, prosegue il corso sul tema: Storia dell’India. Parte seconda a cura del dottor Lorenzo Tronfi, storico.
La serie d’incontri programmati presenterà gli avvenimenti che caratterizzano l’evoluzione storica della democrazia nel sub-continente indiano. Al centro di questo graduale e storico cambiamento si staglia la figura di Mohandas Karamchand Ghandi (1869-30 gennaio 1948), con il suo pensiero non violento, non privo di complesse implicazioni, profondamente connaturate alla tradizione del Paese. Dopo l’indipendenza, l’India, attraverso stridenti contrasti, ha raggiunto un livello di sviluppo tale da collocarsi fra le potenze economiche del presente e dirigersi verso una crescita ancora più rilevante. D’altra parte, non si deve dimenticare che ancora oggi il Paese offre condizioni di vita precarie e un livello di povertà e di miseria impressionanti per un osservatore occidentale. L’India, quindi, con il suo alto numero di premi Nobel nelle discipline scientifiche, con la sua presenza nel club delle potenze nucleari, con il suo ambizioso piano di ricerca spaziale, ma anche con gli slum di Calcutta e di Mumbai si colloca al centro di un dibattito storico e sociologico legato alla crescita e all’affermazione di queste nuove realtà nazionali, figlie del colonialismo e capaci di affermarsi prepotentemente sullo scenario mondiale.

Mercoledì 30 aprile alle 17,00
Liceo classico Costa si conclude il corso di letteratura straniera “La disgregazione dell’Io nell’opera di Robert Musil” a cura della professoressa Gabriella Voglino. Robert Musil rappresenta uno dei più importanti autori della letteratura mitteleuropea che tra ‘800 e ‘900 ha conosciuto un momento di straordinaria vitalità ed innovazione. La sua letteratura si caratterizza per una serrata analisi della realtà ed una radicale critica della razionalità incapace di ricostruire la complessità dell’individuo e dare senso alla crisi che travolse l’Europa alla vigilia della Prima Guerra Mondiale.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.