Il Comune di Brugnato nega il suolo pubblico alla lista per Tsipras

Con una motivazione a dir poco errata e figlia dell’incapacità di accettare il fisiologico dibattito politico- culturale, il Sindaco Galante, a quanto pare solo nel cognome, ha rifiutato la nostra richiesta di raccolta firme per la presentazione delle liste per le prossime elezioni europee. Non corrisponde difatti a verità la risposta presentataci dal delegato del primo cittadino brugnatese, che sottolineava “l’impossibilità da parte di partiti e gruppi politici di raccogliere firme e presentare liste di candidati”.
Un atto gravissimo che lede la dignità di tutti i cittadini della Val di Vara e di Brugnato in particolare, ai quali non è stato permesso di prendere parte ad un naturale e basilare processo democratico. Un gesto che sicuramente non ci intimorisce, ma che anzi ci darà ancora una volta la possibilità di rendere noto a tutti quanto sia anti democratico Claudio Galante.

Andrea Licari (L’altra Europa con Tsipras – Val di Vara)

A questo proposito Stefano Sarti, candidato, ha scritto al signor Prefetto.

Egregio Sig. Prefetto,

venuto a conoscenza del diniego, da parte del Sindaco del Comune di Brugnato, alla concessione di suolo pubblico per la raccolta delle firme atte a presentare, per le prossime elezioni Europee del 25 Maggio la lista “L’altra Europa- per Tsipras”, con motivazioni assai discutibili e, stante a quanto a conoscenza dello scrivente, mai addotte da nessun altro Comune in Italia, chiedo alla S.V. un intervento verso quello che, a tutti gli effetti, pare una grave limitazione del diritto di ogni cittadino di poter firmare e contribuire alla presentazione di liste elettorali, nella più pacata dialettica democratica.

Certo di un suo interessamento, porgo distinti saluti.

Stefano Sarti

Candidato alla Circoscrizione Nord Ovest della Lista “L’altra Europa – per Tsipras”

Advertisements
Advertisements
Advertisements

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.