ASL 5, continua lo smantellamento dei servizi territoriali pubblici

Dopo la chiusura del Centro Unico di Prenotazione di Santo Stefano, la A.S.L. 5 continua con l’opera di smantellamento dei servizi territoriali pubblici alla faccia dei proclami che vorrebbero che i cittadini venissero prima di tutto.

Oggi a patire la decisione della chiusura del C.U.P. territoriale è il comprensorio Castelnuovo-Ortonovo, oltretutto territorio di confine con la Toscana, e si fa un bel dire che poi i cittadini cercano servizi più adeguati e completi proprio là, a due passi da casa.
E’ noto come il M5S condivida le battaglie a favore dei cittadini in tema di servizi sanitari e poco importa che ci raccontino che anche le farmacie (private) possano prenotare esami e quant’altro, servizio che potrebbero essere aggiuntivo e non già sostitutivo,visto che già oggi hanno un costo, seppur basso, ma che domani, spariti i C.U.P., potrebbe non essere più conveniente. E ci piacerebbe sapere quanto risparmierebbe la ASL privando i cittadini di Castelnuovo ed Ortonovo di un servizio che completerebbe almeno quelli erogati senza uscire dalla sede del distretto.
Siamo pertanto, ancora una volta, coi cittadini e con quanti condividano le nostre battaglie ed auspichiamo che in tantissimi firmino la petizione per la difesa del distretto di Castelnuovo-Ortonovo ed il potenziamento dei servizi territoriali proposta dall’ A.I.E.S.
Perché noi pensiamo che debba essere la sanità ad avvicinarsi al cittadino e non già il cittadino ad allontanarsi sempre più dal suo territorio per cercare risposte anche per servizi di elementare ed economica erogazione.

Sarzana 13 Marzo 2014

 Gruppo intercomunale M5S Val di Magra Gruppi di Sarzana, Santo Stefano, Ortonovo, Vezzano, Arcola e Calstelnuovo

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.