Ivan Mirenda: guai a toccare le COOP e gli ARCI!

Ieri sera una trentina di dipendenti della coop service, addette al servizio ausiliario nelle scuole, si sono presentate in Consiglio Comunale Il MoVimento 5 Stelle intendeva presentare mozione urgente per sollecitare una presa di posizione del Comune in merito alla loro situazione; la COOP SERVICE, dopo aver rilevato la loro posizione professionale, ha proposto un contratto di 8 ore settimanali a paga sub-minima.
Chi si è rifiutato, al danno della perdita del lavoro, ha subito la beffa di non poter accedere alla disoccupazione, in quanto tecnicamente dimissionario. L’assurdo è che la riduzione dell’orario era stata posticipata dal Ministero di un mese, ma la cooperativa afferma di non aver ricevuto la comunicazione (giunta invece ai dirigenti scolastici!). Così almeno affermano le lavoratrici, che denunciano anche il mancato accesso alla documentazione contrattuale. Il Comune ha disposto immediate audizioni nelle Commissioni, ma la posizione è apparsa blanda… sarà perché è una COOP? Il Sindaco, accorso in tutta fretta, ha poi ricevuto le lavoratrici privatamente nel suo studio.

Per la cronaca, ieri sera è saltata la mozione del NCD sulla ludopatia, in cui si chiedeva di negare le agevolazioni a circoli ed associazioni che avessero istallato videopoker et similia. L’emendamento del PD avrebbe snaturato il testo, cosicché è stato fatto mancare il numero legale. E dopo le COOP, guai toccare gli ARCI!

Ivan Mirenda (capogruppo MoVimento 5 Stelle)

Advertisements
Advertisements
Advertisements

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.