Il Villaggio del Porto: uno spazio gradevole, sobrio e ben strutturato

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Mauro Manco, in risposta alla lettera di Massimo Baldino La baracca dell’arroganza, pubblicata su queste pagine l’8 gennaio u.s.

“Io mi sono recato a vedere la mostra al Villaggio del Porto che ho trovato bella sia nel soggetto che nell’allestimento, dove sono stato accolto da una gentilissima guida, in uno spazio gradevole, sobrio e ben strutturato con una bella vista sul golfo. Come artista mi ha fatto sognare potendo ammirare le opere di Luca Fregoso (artista/fotografo della Spezia) che ho sempre apprezzato. La mostra racconta la storia di un periodo di cambiamento della nostra città, come Fregoso ha sempre fatto con grande eleganza, anche quando si tratta della demolizione dei silos ed è sempre un piacere vedere le sue opere. Purtroppo per alcuni quello spazio è solo una “baracca”, che rappresenta l’arroganza dell’Amministrazione Comunale sottomessa all’Autorità Portuale. Credo che non tutti gli spezzini la pensino così, almeno quelli che visitando quello spazio e la sua mostra, capiscono trattarsi di una forma di comunicazione alla cittadinanza, riconoscendolo come un centro di informazione posto in uno dei luoghi più cari per i cittadini, ovvero il lungomare. Non riesco a vedere dove sia lo sbaglio di questa scelta così duramente criticata o forse il motivo è un altro? Perchè piace solo a me che non sono spezzino d’origine ma ho scelto di vivere in questa città che amo. Resta il fatto che fare informazione la ritengo un’altra cosa, ma peggio ancora è far passare la disinformazione come informazione, screditando sempre persone che con grande professionalità hanno lavorato per raggiungere tali obbiettivi. Forse questa non è Cultura? Forse non è informazione ai Cittadini? … allora che cos’è… solo una BARACCA?”.

Mauro Manco

 

 

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.