Naturaly, il naturale Made in Italy che nasce da un bisogno, quello della sua ideatrice

Naturaly è una realtà giovanissima che non ha dietro una multinazionale ma una persona che crede nel suo progetto: proporre pochi prodotti ma buoni, prodotti testati personalmente perchè Cristiana Angotzi non vende niente che non è disposta ad usare in prima persona , prodotti naturali , cruelty free e italiani, dando spazio a realtà piccole (Biofficina Toscana, Tea Natura, Lady Futura) che lavorano con serietà e dedizione creando prodotti di qualità.

 

 

“Tutto è partito da un bisogno personale”, mi racconta Cristiana, “due anni fa mi sono ammalata di cancro al seno, ho fatto tutto l’iter al quale solitamente viene sottoposto un paziente, mastectomia totale, chemioterapia e menopausa anticipata. Un mix di medicinali utilissimi ma anche devastanti. il mio corpo stanco e provato non tollerava più i normali detergenti per l’igiene e la cura della persona. Così mi sono messa alla ricerca di prodotti “pochi ma buoni” che potessero andare bene sia per me che per i miei bimbi. Ho cominciato a documentarmi su internet, ho provato a capire cos’era un INCI, poi ho studiato gli effetti di molti ingredienti sulla mia persona e poi ho cercato i prodotti “adatti” alla mia situazione. Alla fine avevo trovato molti prodotti e molte aziende. Ho optato per quelle italiane, per realtà piccole che mi garantissero qualità ma anche umanità e volevo poter conoscere di persona coloro che avevano il mio stesso obiettivo”.

E’ nato così www.naturaly.it, un sito dove acquistare ottimi prodotti naturali, italiani, non testati, rispettosi dell’ambiente. Qui, inoltre, si trovano moltissime notizie e informazioni necessarie per un acquisto davvero consapevole.

“Lasciare il mio precedente lavoro da consulente”, continua questa coraggiosa giovane donna, “e dedicarmi a Naturaly mi è sembrata la conclusione logica di questo viaggio. Senza considerare che ho davvero molto più tempo da dedicare ai miei bambini! Spero di riuscire ad arrivare a quelle persone che pensano come me che pochi prodotti buoni siano meglio di centinaia mai provati, che dare spazio ad aziende italiane sia quasi doveroso verso noi stessi e che rispettare gli animali e l’ambiente che ci circonda sia un modo per regalare un mondo migliore alle generazioni future”.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.