La Contessa di Castiglione… Affascinante avventuriera o ardente patriota?

Martedì 18 febbraio, alle ore 16.30, presso le sale del Circolo Culturale “G. Fantoni Lunigiana” a La Spezia in C.so Cavour 339 (Piazza Brin) si terrà il terzo incontro sulla storia locale con il prof. Sergio Del Santo, dedicato alla Contessa di Castiglione, il personaggio più interessante e chiacchierato del nostro Risorgimento e, per questo, il più affascinante e misterioso. La missione “diplomatica”, da lei compiuta per incarico di Cavour, presso Napolenone III per indurlo ad affiancare il Piemonte nella guerra contro l’Austria, non finisce mai di suscitare commenti ed illazioni. Anche sulla sua ita libera e trasgressiva e, soprattutto, sul suo ruolo patriottico e politico, le polemiche e i pareri sono sempre stati e sempre saranno accesi e inconciliabili.

E’ per questo che Virginia Oldoini, Contessa di Castiglione, è un personaggio unico e straordinario, che non fu soltanto la più bella donna dell’Ottocento e che, oggi, è considerata la prima diva moderna. Gabriele D’Annunzio la chiamò La Divina Contessa, gli spezzini invece la chiamavano affettuosamente La Rapallina.

La conferenza godrà anche dell’esposizione dell’abito La Regina di Cuori riprodotto da Mirella Barbagli Giuliano, in occasione del 150° anniversario del Ballo Reale che la vide protagonista. Con un ricordo ai travestimenti e i mascheramenti delle sue spettacolari – e scandalose per l’immaginario dei contemporanei – uscite in società, in cui interpretava un ampio spettro di personaggi inventati o riconducibili all’universo, da lei prediletto, del teatro, della letteratura e della lirica: la regina d’Etruria, Beatrice, Rachele, Medea, la Regina di Cuori, Anna Bolena, la regina della Notte e molti altri.
L’abito, esposto al Fantoni, sarà presto collocato nel Museo Etnografico di La Spezia.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.