Non diamoci pace. Il libro che racconta le mafie in Emilia Romagna

Il diario di un viaggio (il)legale che racconta le mafie in Emilia-Romagna. Dalle undici organizzazioni criminali che si sono infiltrate in una delle regioni più ricche d’Italia, ai movimenti di antimafia sociale nati sul territorio per contrastare il loro potere economico-sociale .
Dalla prostituzione al gioco d’azzardo, dalla resistenza del gruppo Gap di Rimini alla testimonianza di Giovanni Tizian.

Alessandro Gallo (scrittore) e Giulia Di Girolamo (studiosa del fenomeno mafioso) in questo libro, edito da Caracò Editore, ripercorrono l’Emilia Romagna attraverso le storie e i protagonisti dell’antimafia sociale, raccogliendo testimonianze che diventano il quadro e il romanzo di una regione del nord che, come una regione del sud, lotta contro la criminalità e racchiude storie difficili e di speranza.
Un romanzo basato su fatti reali, volti e storie di una mappa che ridisegna l’Emilia Romagna e l’allarme criminalità. Da Reggio Emilia a San Marino per tracciare la resistenza e la persistenza di undici organizzazioni mafiose nazionali ed internazionali sul territorio emiliano-romagnolo. Un’infiltrazione nel tessuto economico della regione talmente profonda da non dare pace agli autori. La presentazione ufficiale del libro è prevista il 14 febbraio al Cinema Odeon di Bologna. I diritti del libro saranno devoluti all’associazione Rete NoName – Antimafia in movimento (Bologna) e all’associazione Gruppo dello Zuccherificio (Ravenna).

Per informazioni www.caraco.it

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.