Caso Manca: ora la Giustizia appare più vicina

Uno dei casi più incredibili della storia della Giustizia italiana, quello del dottor Attilio Manca, sembra finalmente intraprendere un cammino positivo. A dieci anni dal “suicidio” del giovane Attilio, dopo l’archiviazione delle accuse per i presunti assassini, dopo che alla famiglia per tanto tempo è stata nascosta la verità, ora finalmente sembra accendersi una luce nel buio. Due giorni fa, infatti, durante l’udienza preliminare del processo, il gup Franca Marinelli ha deciso il rinvio a giudizio di Monica Mileti per spaccio; sarebbe lei, secondo l’accusa, a fornire al dottor Manca l’eroina che lo uccise. Questo rinvio a giudizio, che non fa calare il sipario sulla morte di Attilio, potrebbe dare il via libera alla riapertura delle indagini sulla pista mafiosa, per cui la famiglia Manca si sta battendo da dieci anni.

Grande la soddisfazione della famiglia: la madre di Attilio, la signora Angela, ha scritto su Facebook: “Io ho sempre avuto fiducia nella giustizia ed ero convinta che era solo questione di tempo e sarebbe arrivata. Adesso sento che é più vicina di quanto si possa immaginare“. Le fa eco il figlio Gianluca, che scrive “Abbiamo atteso dieci lunghi anni. Chi è portatore di verità difficilmente soccombe. Attilio Manca avrà un Pubblico Processo“. Antonio Ingroia, avvocato (assieme a Fabio Repici) della famiglia Manca, dichiara di aver già pronta una lunga lista di testimoni.

Esprimono gioia e fiducia anche gli amici di Attilio Manca, quelli che l’hanno conosciuto solo sul web, attraverso le parole della famiglia che ne racconta la storia: le bacheche di Angela e Gianluca si sono immediatamente riempite di messaggi di gioia per questa decisione. La Giustizia, in Italia, è spesso lenta, “pilotata”, ma forse la svolta positiva è davvero dietro l’angolo. Attilio merita che venga fuori la verità sulla sua morte e la sua famiglia merita di vivere finalmente serena.

Intanto oggi, sul sito di “Chi l’ha visto?” sono state pubblicate le foto scattate al corpo senza vita del giovane Attilio. La visione di tali immagini è sconsigliata a un pubblico sensibile.

www.attiliomanca.it

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.