Spezia, primo pareggio per Mangia

Spezia-Juve Stabia-1-1

SPEZIA (4-2-3-1): Leali 6; Madonna 6, Bianchetti 6, Magnusson 6, Migliore 6,5; Sammarco 6 (23’st Bellomo 6,5), Seymour 6,5; Schiattarella 7; Rivas 6,5 (34’st Ciurria 6), Catellani 5 (9’st Giannetti 6); Ferrari 6,5. (Valentini, Petkovic, Ceccaroni, Orsic, Franco). All.: Mangia.

JUVE STABIA (3-5-2): Benassi 6 (24’st Viotti 6); Ghiringhelli 6, Lanzaro 6, Contini 6; Zampano 5,5, N’ Diaye 5,5 (16’st Ciancio sv), Caserta 6, De Falco 6, Liviero 6; Falco 6 (32’st Sowe sv), Di Carmine. (Giandonato, Piccioni, Di Nardo, Montini, Parigini, Romeo). All.: Pea.

 

 

ARBITRO: Chiffi di Padova 5.

 

MARCATORI: 12’ Falco (JS); 10’st Ferrari su rig. (S);

 

NOTE: Spettatori 5600 circa di cui 1207 paganti (4300 abbonati). Terreno in perfette condizioni, nuovo manto erboso misto erba naturale e sintetica. Pomeriggio uggioso, cielo piovoso. Ammoniti: Migliore, Madonna, Ciancio, Rivas. Angoli: 5 a 2. Recupero: 2’; 4’.

             Finisce con un pareggio la prima al “Picco” sul nuovo manto erboso: un mix tra naturale e sintetica, il primo pareggio della gestione di Mangia in casa aquilotta. Tra gli aquilotti diversi esordi di tante facce nuove come in casa stabiese dopo il mercato di riparazione invernale finito nella tarda serata di ieri.

Match equilibrato nei primi minuti anche se sono i padroni di casa a fare la partita. Rivas schierato in mezzo dietro l’unica punta Ferrari, sembra destreggiarsi bene anche se diverse volte troppo lezioso. Al 11’ l’argentino da sinistra mette in mezzo per Ferrari che di testa trova pronto Benassi alla presa a terra. Al 12’ risponde la Juve Stabia che su punizione dal limite sulla destra trova il vantaggio, complice un rimpallo sfortunato del pallone sulla schiena di Leali, una punizione precisa al sette che scheggia la traversa interna andando il rete. Padroni di casa frastornati ma pronti a rimboccarsi le maniche. Al 30’ un generoso Schiattarella che si farà apprezzare per tutto l’arco del match, serve a Sammarco un invitante assist, il centrocampista però al momento del tiro, fa partire un fendente piuttosto debole e per Benassi non ci sono problemi a parare.

La ripresa è un senso unico dove lo Spezia mette sotto i campani alla ricerca del pareggio. Al 10’ infatti Ferrari in area è lesto a mettere in difficoltà la retroguardia delle “vespe”, trattenuta e giusto calcio di rigore che lo stesso attaccante trentino trasforma. A questo punto la formazione di mister Mangia crede nella rimonta come sette giorni fa a Cittadella. Nuova linfa arriva dalle sostituzioni: fuori uno spento Catellani per il neo acquisto Giannetti e soprattutto dentro Bellomo per Rivas. Proprio dal talento barese arrivano alcuni spunti importanti: un tiro di poco finito alto sopra la traversa difesa dal neo entrato portiere Viotti, al posto dell’infortunato Benassi al 32’. Al 36’ ancora Bellomo trova Viotti pronto alla deviazione in angolo. Giannetti si fa vedere per rapidità al 42’ quando impegna Viotti. A tempo scaduto un grande assist sempre di Bellomo che mette sui piedi di Madonna un invitante assist con un nulla di fatto. Finisce con un punto per uno ma con una prestazione che accontenta entrambe i tecnici in panchina.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.