Comitato Vallesanta e Legambiente, presidio a Levanto sabato 25

Secondo lotto del waterfront, depuratore e nuove scuole: tre progetti che al Comune di Levanto costeranno milioni di euro, ma di cui i cittadini sanno poco o nulla. Tutto, infatti, è avvolto nelle nebbie del più classico “non disturbate il manovratore”. Così, per denunciare – per l’ennesima volta – la mancanza di trasparenza e di informazione ai cittadini da parte dell’amministrazione comunale, il Comitato Vallesanta e Legambiente Liguria organizzano un presidio sabato 25 gennaio, dalle ore 11 alle ore 17, alla Loggia di piazza del Popolo.

Nell’occasione, attraverso atti e documenti ufficiali, verrà illustrato a tutti i cittadini interessati quello che prevedono i progetti relativi al secondo lotto del waterfront (ripartito in sordina sotto Natale, con 116 box auto in riva al mare, nonostante il fallimento economico e commerciale del primo lotto, su cui pende anche un’inchiesta giudiziaria), al depuratore (realizzato in zona franosa, con al suo interno 16 inspiegabili box auto, in presenza di una rete fognaria cittadina disastrata) e al nuovo plesso scolastico di via dei Martiri (con lo stesso Comune che non sa se verranno realizzati uno o due edifici, con le vecchie scuole e il vecchio asilo ceduti a privati con il supporto di una società a rischio chiusura per realizzare appartamenti, anche questo con un numero imprecisato di box auto nel sottosuolo).

In tutte queste scelte, importanti e strategiche per il futuro e per l’economia di Levanto, i cittadini non sono mai stati informati né consultati. Una costante, questa, che accompagna l’amministrazione Moggia e che sembra essere ormai accettata anche attraverso la silente e complice accondiscendenza di ben tre consiglieri dell’opposizione su cinque.

www.comitatovallesanta.it

 

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.