Tutela sindacale, la Fisascat Cisl risponde a Paola Patrignani

Con la presente la scrivente Os Fisascat Cisl La Spezia intende fornire alcuni chiarimenti circa i contenuti del tutto parziali e strumentali della signora Patrignani Paola, la quale contesta nel merito l’accordo sottoscritto in data 10 dicembre 2013 tra le ooss Filcams Cgil e Fisascat Cisl e le società Logos e Coopservice sul magazzino Logos di Pratolino. Premesso che la signora Patrignani Paola esprime una posizione del tutto non solo personale ma oltremodo fuorviante della verità, e che la Filcams Cgil e la Fisascat cisl hanno sempre effettuato assemblee e confronto con i lavoratori senza mettere nessuno alle spalle al muro, evidenziamo che nell’ultimo incontro del 10 dicembre 2013 le ooss hanno anche ottenuto il consenso di 5 lavoratori su 6 prima di addivenire all’accordo, che di fatto al contrario non mette in mezzo alla strada nessuno, ma anzi conserva in un periodo di grave crisi economica sei unità lavorative full time e che come chiunque potrebbe comprendere senza il nostro intervento si sarebbero tradotti in lettere di licenziamento, che anche senza scomodare la giurisprudenza lavorativa sarebbero stati difficili da trattare individualmente vista la piccola dimensione della impresa in questione.

L’accordo, questo è giusto ed onesto ricordarlo, prevede per meno di due mesi e comunque non oltre al 31.01.2013, la possibilità da parte dell’azienda di assorbire permessi e rol (come tra l’altro prevede il ccnl commercio e terziario) a compensazione delle ore non lavorate ed eventualmente se ce ne fosse la necessità, di permessi non retribuiti, senza incidere definitivamente sul monte orario dei lavoratori, con l’impegno a gennaio 2014 a valutare la situazione del magazzino ed eventualmente accedere agli ammortizzatori sociali, valutando altre ipotesi di ricollocamento nell’ambito di coopservice, fermo restando avere notizie positive sull’incremento di commesse nel magazzino di Pratolino. Appare del tutto evidente dunque, come la posizione della signora Paola Patrignani, che tra l’altro in coerenza con la propria posizione avrebbe dovuto quanto meno rassegnare le proprie dimissioni da Rsa sia del tutto pregiudiziale, ideologica nonché gratuita e pure molto individualista che non tiene in nessun modo conto del ruolo di Rsa a tutela di tutti i lavoratori del sito.

La Fisascat Cisl, che non pretende di essere infallibile nella sua azione di tutela e difesa dei lavorator,i ma che agisce sempre con grande coerenza rispetto ai valori di riferimento universalmente riconosciuti del mondo del lavoro, auspica che si possa trovare una soluzione ai problemi occupativi del personale interessato, e come testimonia il continuo incremento in termini di iscritti a livello locale con quelle risposte concrete e fattive che quotidianamente forniamo nell’interesse dei lavoratori.

Fisascat Cisl

Mirko Talamone

La lettera di Paola Patrignani: Tutela sindacale, questa sconosciuta

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.