Quartieri del Levante: il TAR Liguria fa giustizia

La Sentenza del TAR Liguria del 28/11/2013 fa giustizia sui diritti dei concessionari delle aree Demaniali Marittime e sul rispetto del Piano Regolatore Portuale (legge urbanistica votata in consiglio Regionale il 19/12/2006). I cittadini avevano fatto ricorso contro un’Autorità Portuale inadempiente e arrogante che non voleva rispettare, nella ricollocazione delle Marine del  Levante, una identica ricostruzione degli impianti fra il Molo Enel ed il Molo Pagliari, bene storico sottoposto a precisi vincoli, come sottoscritto dall’intesa fra Autorità Portuale,Concessionari storici dei Quartieri e con gli Enti Locali. La portata di questa sentenza pronunciata dal Collegio del Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria è il risultato di una situazione con conseguenze future sui tempi e le modalità di un dialogo,che per oltre 5 anni l’Autorità Portuale ha evitato non mantenendo un confronto con i cittadini e culminando infine con le minacciose imposizioni scritte che hanno costretto i cittadini ai ricorsi sui quali il TAR ha deliberato.

Purtroppo abbiamo dovuto constatare che, in questa vicenda, alcune istituzioni il Comune per esempio,che avrebbero dovuto tutelare i diritti dei cittadini oltre alla legalità, pur essendo state richiamate spesso a fare il loro dovere si sono defilate  facendo finta di non sapere e non sentire. Così facendo tutti hanno avuto la sensazione che per le nostre istituzioni il rispetto delle leggi sia, spesso, divenuto un optional  mentre si tratta di un vincolo a dimostrazione di serietà istituzionale e sociale. Nella Giornata di Giovedì 12 Dicembre l’avvocato Daniele Granara ha esposto in una riunione, in cui si è avuta una grande affluenza da parte dei cittadini dei Quartieri del Levante, la portata della sentenza e le ricadute che essa avrà sulle fasi attuative del P.R.P.

Il coordinamento dei Quartieri del Levante (Canaletto, Pagliari, Fossamastra)

Advertisements

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.