Malamedicina, casi clamorosi di errore medico e come evitare che si ripetano

Il lato oscuro della medicina: nove casi realmente accaduti e cosa fare perchè non si verifichino più. Malamedicina (Edizioni Sonda) è un libro di Fausto De Lalla, medico, libero docente in Malattie Infettive e direttore della Scuola di Specializzazione in Malattie Tropicali, primario ospedaliero a Como e poi a Vicenza, ha sempre svolto attività clinica e di ricerca. Da circa quindici anni si è dedicato allo studio dell’errore in medicina ed è consulente tecnico di vari tribunali e/o privati cittadini in cause civili o penali di malpractice.

.

Negli ultimi cinquant’anni la medicina ha fatto progressi enormi. Tuttavia, l’opinione pubblica vi ripone una fiducia eccessiva e, in mancanza di guarigione, la conclusione è una sola: il medico ha sbagliato. Si è modificato anche il rapporto medico-paziente, così come l’etica stessa della medicina: il medico “tradizionale” non esiste più, il contatto con il paziente è per lo più impersonale ed anonimo. Come risultato, la conflittualità tra chi cura e chi va curato è aumentata esponenzialmente e nei casi più estremi può essere risolta solo nelle aule di tribunale. Prendendo spunto da nove casi di malamedicina che ha seguito in qualità di consulente tecnico presso vari tribunali o per privati cittadini in cause civili e penali di malpractice, l’autore affronta le questioni nodali all’origine dell‘errore in medicina e dell’aumento delle cause civili e penali: come evitare che i medici si sentano accerchiati dai mass media e dai cittadini? Come ridare al medico dignità professionale e al paziente fiducia in chi lo cura? Come conciliare tra loro clinica e tecnologia, pietas ed efficienza, limitazione delle risorse e risultato ottimale? Perchè di malamedicina non si debba più morire.

 

 

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.