Il sortilegio della narrazione,laboratorio con Francesca Picci

Il sortilegio della narrazione 

Laboratorio di teatro di narrazione condotto da Francesca Picci

“Il racconto reca il segno del narratore come una tazza quello del vasaio.” (Walter Benjamin)

Raccontare risponde a un bisogno primario dell’uomo, quello di comunicare. Vivere un’esperienza comporta il desiderio e anche il bisogno di raccontarla per poterla condividere, approfondire e trasmettere. L’oralità è alla base della comunicazione, ascoltare è immediato e accessibile a tutti, anche a chi non possiede gli strumenti della scrittura. Da sempre le storie vengono trasmesse oralmente e attraverso di esse vengono tramandati gli usi, i costumi, la visione del mondo e la cultura dell’ambiente in seno al quale si sono originate. Tuttavia sempre più spesso questa semplice operazione di restituzione verso l’esterno di esperienze vissute o apprese, anziché fluire libera, semplice e spontanea, rimane bloccata, diventa una “difficoltà” e se ne perde il piacere. Lo scopo principale del laboratorio è quello di ridare voce al nostro narratore interno, lasciargli totale libertà di espressione, ridargli il gusto e la voglia di comunicare.  Analizzeremo insieme una storia e ne individueremo la struttura, i nodi, i passaggi fondamentali che determinano lo sviluppo della vicenda. Partendo da questa struttura comune e da questi dati oggettivi, ciascun partecipante si immergerà nella vicenda e inizierà a farla propria attraverso semplici esercizi e tecniche proprie del teatro di narrazione. La stessa storia diventerà tante storie diverse vestendosi ogni volta della personalità, del gusto e della sensibilità del narratore che le donerà nuovi colori e sfumature.

orario di lavoro

11-13 / 15-19 sabato

10-13 / 15-18 domenica

Il laboratorio si terrà presso l’auditorium della Biblioteca Beghi

per informazioni info@arbanella.it
333 2704114

 

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.