Coincidenze: che c’entra il Subcomandante Marcos con il Comitato Piazza Verdi

C’entra. A volte il caso fa sorridere: il 17  novembre, il giorno in cui il Comitato ha tirato un respiro di sollievo grazie alla dichiarazione di vincolo per l’area di Piazza Verdi da parte della Direzione Regionale dei Beni culturali, è anche una data storica per quelli che attribuiscono al popolo la capacità di resistere al sistema e rovesciarlo. E’ il giorno in cui esattamente 30 anni fa (1983-2013) il SubComandante Marcos fonda l‘Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale. L’EZLN ha l’obiettivo di affermare i diritti delle popolazioni native messicane. Ma dai comunicati traspare anche una volontà di partecipare al movimento mondiale anti-capitalista  no global per i diritti delle popolazioni native.

Marcos, l’uomo con il passamontagna. Tutti noi.

Marcos è tutte le minoranze rifiutate e oppresse, resistendo, esplodendo, dicendo “¡Ya basta!” – Ora Basta! Tutte le minoranze nel momento di parlare e maggioranze nel momento di tacere e sopportare. Tutti i rifiutati cercando una parola, la loro parola, ciò che restituisca la maggioranza agli eterni frammenti, noi. Tutto ciò che dà fastidio al potere e alle buone coscienze, questo è Marcos. E, per questo, tutti noi che lottiamo per un mondo diverso, per la libertà e l’emancipazione dell’umanità, tutti noi siamo Marcos. (dal comunicato del 28 maggio 1994)

[vsw id=”thAiSkX4qwo” source=”youtube” width=”425″ height=”344″ autoplay=”no”]

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.