Spezia, il dopo Cesena

Ds Romairone interviene brevemente commentando la serata: “Vorrei fare tre ringraziamenti, al pubblico, al mister e ai ragazzi, abbiamo vinto una gara difficile, che era iniziata male e solo grazie all’incitamento della tifoseria siamo stati bravi a ribaltarla”.

 

Mister Stroppa commenta così l’importante vittoria di questa sera: “Potevamo soccombere per come si era incanalata la gara nella prima parte del primo tempo, invece la squadra ha continuato a giocare. Nella ripresa abbiamo giocato meglio, come sappiamo, come ci prepariamo durante la settimana, ci siamo sbloccati e ho visto la squadra con la qualità che vedo durante gli allenamenti. Il ds Romairone ha ringraziato tutti, ma io ringrazio i miei calciatori, perché senza di loro, non si andrebbe da nessuna parte. Venivamo da una prestazione opaca e inesistente a  Padova. Nel primo tempo avevamo il possesso palla ma sbagliavamo tanto, forse troppo. Anche nel secondo tempo secondo me abbiamo commesso forse qualche errore di troppo malgrado fossimo in superiorità numerica. Comunque, finalmente ho visto una prestazione degna di nota. Probabilmente nel primo tempo la testa dei ragazzi ha frenato quello che volevano fare. Nella ripresa un atteggiamento da Spezia, col pubblico che ci accompagnava nelle giocate dei ragazzi, che alla distanza si sono esaltati. Catellani? Ha fatto giocate che conosciamo tutti, il ragazzo si è sbloccato finalmente, sono contento per lui, se lo merita. Ad un certo punto stavo per cambiare Carrozza per Orsic, poi è avvenuto il secondo gol e allora ho cambiato decisione. Vorrei sottolineare come i ragazzi durante la settimana fanno vedere delle giocate veloci importanti che questa sera finalmente ho visto a sprazzi, dobbiamo continuare così. Volevo vedere il riscatto della partita giocata male a Padova e penso che i ragazzi lo abbiano fatto vedere a tutti, anche se come già detto, all’inizio abbiamo forse faticato troppo a entrare in partita. Del resto avevamo difronte il Cesena terzo in classifica, sconfitto solo due volte prima di questa sera, non era semplice, per cui per me è una vittoria importante.”

 

Mister Bisoli (Cesena) commenta molto amareggiato la sconfitta di oggi: “Sono arrabbiato, siamo una squadra giovani, dobbiamo crescere. Abbiamo tenuto testa, nonostante l’inferiorità numerica, ad una formazione molto più esperta della nostra. Peccato per aver sprecato tanto. Abbiamo avuto tante occasioni. Non voglio commentare gli episodi, ma comunque non abbiamo perso per questi ma ho visto alcune situazioni a noi sfavorevoli. Secondo me il gol di Catellani potevamo evitarlo benissimo per come è venuto, i miei ragazzi sono stati sorpresi. Comunque il mio atteggiamento non cambia dall’esito del risultato di stasera, dobbiamo fare esordire tanti giovani, salvandoci quanto prima, perciò il mio lavoro è questo per quanto erano gli obiettivi iniziali miei e della società. Andiamo avanti cercando di migliorare anche se purtroppo succede troppo spesso di andare in svantaggio e poi di subire la rimonta degli avversari, forse la paura di vincere ti fa sbagliare o forse è anche mia la colpa”.

 

Catellani (nella foto) commenta così la gara e la sua prestazione: “Vittoria importante e meritata, è partito meglio il Cesena, squadra solida e forte. Secondo me però lo Spezia è una squadra superiore che deve puntare al massimo, siamo più forti di tante altre squadre. Dobbiamo essere determinati sin da subito. Il mister nell’intervallo si è arrabbiato giustamente. Così ad inizio ripresa abbiamo reagito, ciò significa che abbiamo le qualità per emergere. Sono contento di aver segnato sotto la curva. Per un calciatore aquilotto far gol sotto la “Ferrovia” è il massimo, contento che poi siano arrivati i tre punti. Meglio di così non poteva andare per me, la mia rete la voglio rivedere, perché tante volte quando sei in campo non ti rendi conto di quanto hai fatto. La classifica ora prende anche una piega migliore, ma dobbiamo continuare con questa determinazione. Personalmente non sono ancora fisicamente al top, ma sono sulla strada giusta, avendo avuto un infortunio importante che non mi era mai capitato in carriera. Devo trovare continuità. Dedico la mia rete, come promesso, a Paolino Ponzo, ex aquilotto mai dimenticato, che con Grieco sono le persone che mi hanno dato tanto nel calcio, a crescere e sono qui stasera è anche merito loro”.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.