Spezia, sconfitto il Cesena nell’anticipo notturno del “Picco”

Spezia-Cesena-2-1

 

SPEZIA (4-3-3): Leali 6; Baldanzeddu 6, Lisuzzo 7, Ceccarelli 6,5, Migliore 7; Bovo 7, Appelt 6, Seymour 5,5 (34’ Catellani 6,5); Carrozza 6 (41’ st Sammarco sv), Ebagua 6 (43’ st Henty sv), Sansovini 6. (Valentini, Moretti, Magnusson, Culina, Henty, Borghese, Orsic). All.: Stroppa.

 

CESENA (3-5-2): Coser 5,5; Volta 6, Capelli 5, Krajnc 6; Almici 6 (35’ st Moncini sv), Defrel 6,5 (17’ st Camporese 6), De Feudis 6, Coppola 6, Renzetti 6; Succi 6, D’Alessandro 5,5 (11’ st Garritano 6). (Rossini, Alhassan, Ingegneri, Capellini, Arrigoni, Moncini, Pedrabissi). All.: Bisoli.

 

 

ARBITRO: Pinzani di Empoli 6.

 

MARCATORI: 31’ Defrel (C); 38’ Lisuzzo (S); 30’st Catellani (S).

 

 

NOTE: Spettatori 6000 circa di cui 1278 paganti (4300 abbonati). Terreno sintetico molto scivoloso per la pioggia caduta in giornata. Serata umida, cielo coperto a tratti piovoso. Ammoniti: Almici, Carrozza, Capelli. Espulso al 16’ st per doppia ammonizione Capelli. Angoli: 7 a 3. Recupero:2’; 3’.

 

 

 

Lo Spezia torna alla vittoria e lo fa in notturna nell’anticipo del venerdì al “Picco” davanti al Cesena, terza forza del campionato di mister Bisoli. Nelle due formazioni diverse assenze, romagnoli con maggior gioventù in campo. Aquilotti con capitan Sansovini in campo dal primo minuto.

Gara che rimane molto bloccata nel primo tempo. Il campo molto veloce lo è ancora di più per la pioggia caduta in giornata sulla città e ne condiziona tanto le giocate, sembra di assistere ad una partita di flipper. Padroni di casa con maggior possesso palla ma di azioni degne di nota non se ne registrano. Cesena sornione e pronto a ripartire in contropiede con la difesa aquilotta attenta a neutralizzare. Si deve arrivare al 22’ quando sull’asse di sinistra Carrozza-Migliore un traversone in area trova Ebagua al tiro che si spegne molto alto. Il Cesena va in vantaggio quando meno te lo aspetti: al 31’ Defrel vince un paio di rimpalli in mezzo al campo sulla destra si accentra e da poco fuori area mette all’incrocio con Leali leggermente fuori dai pali, ma il gol è davvero bello. Ospiti in vantaggio e padroni di casa in difficoltà ma solo temporanea. Infatti dopo il cambio forzato per infortunio di Seymour, entra Catellani: sarà forse la mossa vincente del match. Da un corner procurato proprio da uno spunto del neo entrato, Sansovini dalla bandierina mette in mezzo, sul secondo palo Ceccarelli mette di testa in mezzo, nell’area piccola è bravo Lisuzzo a essere il più lesto di tutti e in mezza rovesciata aiutato forse dal portiere un poco incerto, insacca: ristabilita la parità. Si va così al riposo.

Nella ripresa, lo Spezia si ripresenta in campo, con un piglio diverso, l’atteggiamento è quello giusto. Il Cesena accusa il colpo e rincula in difesa. Ogni tanto riparte in avanti ma soprattutto per errori di trama degli aquilotti che per meriti propri. Al 5’ Ceccarelli in area sfiora la rete con la difesa ospite in affanno dopo un’opportunità di testa di Carrozza. Il Cesena ci prova al 14’ con Defrel ma la sua conclusione è imprecisa, dopo l’invitante assist del neo entrato Garritano. Al 16’ un altro episodio chiave del match: Capelli per doppio giallo deve abbandonare il campo, ora lo Spezia ha la ghiotta occasione di capitalizzare il match. Al 19’ è bravo Krajnc a mettere in corner un buono spunto aquilotto. Al 20’ Migliore trova Coser abile alla deviazione in angolo. Al 22’ è il solo Succi ad impensierire la retroguardia aquilotta ma la sua conclusione è a lato non di molto. Al 25’ da un cross di Catellani sul secondo palo sulla destra Carrozza viene anticipato di poco al momento della sua conclusione di testa e la sfera viene neutralizzata in angolo. Il Cesena sta soffrendo ma continua a reggere a fatica gli attacchi spezzini. Al 30’ è bravo Carrozza sulla destra a servire in mezzo in area Catellani che insacca sotto la curva “Ferrovia” per il vantaggio aquilotto. Adesso lo Spezia deve solo controllare e portare il match in porto. Al 33’ ancora Carrozza trova pronto Coser alla presa della sfera. Il match finisce con i padroni di casa che controllano la gara con buona circolazione di palla anche se qualche volta peccano di presunzione per errori banali. Finisce così con una vittoria importante che fa morale e soprattutto classifica raggiungendo i venti punti. E domenica prossima aquilotti in Toscana nella città del palio: Siena.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.