Prc La Spezia: “Le istituzioni diano risposte ai 149 lavoratori disoccupati dei Cantieri-scuola lavoro.”

Appresi dagli organi di stampa i recenti scandali in consiglio regionale della Liguria, dove pare che cifre astronomiche siano state “distratte” dalle casse pubbliche per usi non proprio idonei, Rifondazione Comunista spezzina chiede, ancora una volta, ascolto per quei 149 lavoratori dei Cantieri-scuola lavoro della Spezia rimasti disoccupati dai primi di settembre, dopo un anno e mezzo di servizio nei comuni della provincia, ufficialmente per  “mancanza di fondi”. A noi sembra che detti “fondi” siano eccome a disposizione della Regione, ma forse per queste queste frasi verremo accusati, ovviamente, di populismo. Serve la volontà politica di risolvere il problema, ma il silenzio regna sovrano. Pochissimi gli enti comunali che hanno detto qualcosa a riguardo, completamente muta la provincia della Spezia, con il suo commissario straordinario Fiasella. Già da mesi abbiamo proposto alla Regione di trovare le risorse economiche almeno per far chiudere loro l’anno solare, magari decurtando qualcosina dalla giunta regionale, o riducendo le esagerate disponibilità dei gruppi consigliari.

Inoltre, come bene ha affermato Legambiente, tanto più assurda appare la rinuncia ai lavoratori (assunti per la prevenzione delle calamità naturali), quanto più tali persone vengono a mancare proprio nei giorni di maggiore allarme per il territorio, ossia l’autunno, periodo che oramai tiene tutta la Liguria in allerta, specie il Levante. Ma evidentemente le istituzioni (a ogni livello, compreso quello del nostro concittadino ministro dell’Ambiente) gradiscono molto più le passerelle e i tagli dei nastri, piuttosto che dare risposte a 149 famiglie in difficoltà.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.