Con-vivere, i giovani volontari

La “carica” delle magliette arancioni.
Tornano per l’ottava edizione di con-vivere i volontari del festival. E saranno più di 101…

Palazzo Binelli, sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara, è stato invaso ieri pomeriggio dai volontari che si preparano, da venerdì 6 settembre, a sostenere l’ottava edizione del festival con-vivere dedicata all’America Latina. Un fenomeno che cresce di anno in anno e che vede uscire giovani e meno giovani entusiasti da questa esperienza.

Un entusiasmo che è evidentemente contagioso, visto che saranno circa 120 le persone che, per l’edizione 2013, si metteranno a disposizione delle varie attività necessarie a sostenere una macchina complessa come quella del festival carrarese: dai servizi di accoglienza e informazione per il pubblico, all’assistenza negli eventi in programma, alle “squadre volanti” di supporto alla segreteria organizzativa, oppure come social media reporter, fotografo, video maker. Oltre a fare un’esperienza interessante i volontari hanno a disposizione buoni pasto gratuiti, assicurazione contro gli infortuni, i gadget del festival in omaggio e un attestato di partecipazione.

E che il fenomeno dei ragazzi e delle ragazze dalle magliette arancioni stesse crescendo in maniera importante era stato percepito anche dalla segreteria organizzativa del festival. Quest’anno, non a caso, è stato dedicato un apposito spazio sul sito internet www.con-vivere.it in cui i volontari rispondono ad alcune domande sulla loro esperienza e forniscono un’idea più precisa delle motivazioni e dell’entusiasmo alla base della loro scelta.

Segno che i giovani, quando sono stimolati da esperienze interessanti e formative, rispondono presente.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.